Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - I pentastellati non soddisfatti dalle dichiarazioni del presidente della regione

M5s: “Ospedale, Zingaretti non dice nulla di rassicurante”

Condividi la notizia:

L'ospedale di Acquapendente

L’ospedale di Acquapendente

Acquapendente – Riceviamo e pubblichiamo – Finalmente l’occhio di Sauron si è mosso ed ora proietta il suo fascio di luce sull’Alta Tuscia. La lettera del presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti rassicura il sindaco Alberto Bambini e il presidente della VI commissione consiliare Regione Lazio Enrico Panunzi. Noi un po’ meno.

ll decreto commissariale pubblicato sul bollettino regionale del 5 agosto scorso, con il mancato inserimento dell’ospedale di Acquapendente tra i presidi ricadenti in aree disagiate e le relative conseguenze, ha generato una forte contestazione da parte del consiglio comunale di Acquapendente, del Pd e del M5S aquesiano.

“Il presidente ha detto chiaramente di confermare – riferisce Panunzi – gli impegni assunti con l’amministrazione comunale nella riunione del 15 luglio scorso, che io stesso avevo sollecitato in accordo con il comune e alla quale ho partecipato”.

Ma esattamente quali erano gli impegni assunti dal presidente della regione Zingaretti riguardo alle sorti del nostro ospedale (confermati a voce dal vicesindaco il 19 agosto)? Era già considerata la convenzione con la regione Umbria per andare al pronto soccorso di Orvieto? Era già stato considerato che il già ex pronto soccorso, ora punto di primo intervento, verrà gestito dal 118? Era già stato stabilito che il ricovero presso gli 8 posti letto superstiti di medicina per acuti in regime ordinario venisse gestito da Belcolle?

Vorremmo inoltre sapere quando è avvenuto l’incontro, di cui non esiste nessun verbale, tra il sindaco Bambini ed il presidente della commissione sanità Rodolfo Lena e quali sono stati i contenuti di questa discussione! La lettera di Zingaretti al sindaco Bambini, ben scritta quanto insipida, non fa nessun riferimento ai servizi previsti per le aree disagiate.

Il comunicato di Panunzi, oltre a sottoscrivere quello di Zingaretti, fa riferimento a protocolli di intesa, che la Regione Lazio sta studiando con l’Asl di Terni “per stipulare accordi in modo da garantire, in caso di necessità, servizi immediati e efficienti”.

Scusate, ma siamo un po’ lenti a capire. Nella lettera del presidente non c’ è niente di rassicurante. Piuttosto ci sono elementi che generano inquietudine: “Se ci sono stati errori e sottovalutazioni, sono certo che lavorando insieme, con buon senso e capacità di ascolto, troveremo le migliori soluzioni per attuare quanto condiviso…”. Agghiacciante!

Ma il presidente Zingaretti conosceva i contenuti del decreto che ha firmato?

Movimento 5 Stelle Acquapendente ed alta Tuscia


Condividi la notizia:
27 agosto, 2014

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR