Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Regione Lazio - Obiettivo prevenzione, il presidente Zingaretti illustra i benefici - Un milione di dosi di vaccino per le categorie a rischio

“Influenza, vaccinazione capillare è il miglior antidoto”

Condividi la notizia:

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Per la campagna di vaccinazione antinfluenzale la Regione Lazio mette a disposizione più di un milione di dosi di vaccino per la copertura delle categorie a rischio.

In prima linea nell’’attuare la campagna i medici di Medicina generale, i pediatri e le Asl.

La vaccinazione è gratuita. L’’obiettivo è la prevenzione delle complicazioni possibili nei soggetti maggiormente a rischio, malati cronici, anziani.

“”Una campagna di vaccinazione capillare contro l’’influenza è il miglior antidoto contro gli eccessivi accessi al pronto soccorso  – ha spiegato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti –- per il successo dell’’operazione, così come ogni anno, è determinante il contributo attivo dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta. Quest’’anno mi pare ci siano tutte le condizioni per  garantire un grado di copertura molto alta della popolazione a rischio””.

L’iniziativa è rivolta alle persone che hanno superato i 65 anni, ai bimbi sopra i sei mesi e agli adulti con patologie croniche come ad esempio malattie cardiache e respiratorie, insufficienza renale, diabete, tumori e immunosoppressione causata da Hiv.

Ai bambini e adolescenti a rischio di sindrome di Reye; alle donne che si trovano al secondo e terzo trimestre di gravidanza; ai familiari a contatto con persone ad alto rischio; a medici e personale sanitario, personale che lavora a contatto con animali, personale delle forze dell’ordine, vigili del fuoco e della protezione civile e altri addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo.

Parte integrante del programma è l’’attività di sorveglianza realizzata mediante una rete di 100 medici sentinella uniformemente distribuiti sul territorio e coordinati a livello regionale, che provvedono alla segnalazione sistematica dei casi di influenza registrati tra i propri assistiti e contribuiscono all’individuazione dei ceppi virali agenti dell’influenza.

Per effettuare la vaccinazione o per avere ulteriori informazioni ci si può rivolgere al proprio medico di medicina generale, al pediatra, ai servizi delle Asl oppure cliccare qui all’apposito link.

Regione Lazio


Condividi la notizia:
28 ottobre, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR