Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Carabinieri - Smantellata organizzazione che ricettava materie prime preziose, con la copertura di attività di compro oro e antiquariato

Operazione “Silver and gold”, 15 arresti

Condividi la notizia:

Carabinieri - Operazione Silver and gold

Carabinieri – Operazione Silver and gold

Carabinieri - Operazione Silver and gold

Carabinieri – Operazione Silver and gold

Carabinieri - Operazione Silver and gold

Carabinieri – Operazione Silver and gold

Schermata-2015-03-24-a-08.41.18

Carabinieri - Operazione Silver and gold

Carabinieri – Operazione Silver and gold

Carabinieri

Carabinieri

Viterbo – Operazione “Silver and gold”, 15 arresti (video).

Dalle prime luci dell’alba, i carabinieri di Viterbo, in collaborazione con i militari delle province competenti e con quelli del comando Tutela Patrimonio Culturale e del Raggruppamento Aeromobili, stanno eseguendo 15 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettante persone, alcune di nazionalità straniera, responsabili a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione e al riciclaggio di argenteria e lavorati in oro, al commercio in oro senza autorizzazione e alla falsità in dichiarazioni fiscali.

Circa 40 le perquisizioni, tuttora in corso, nei confronti degli arrestati e di altri indagati, tra le province di Viterbo, Roma, Terni, Caserta e Arezzo.

L’operazione va a debellare un ramificato sodalizio criminale che, attraverso la copertura garantita dalla gestione di attività di compro oro e con la compiacenza di vari titolari di negozi di antiquariato, acquistava al mercato nero lavorati in argento e oro, di provenienza furtiva, per poi rivenderlo a una fonderia del polo orafo di Arezzo.

Nel periodo oggetto delle investigazioni, riconducibile a tutto il 2014, si è stimata la compravendita di circa 10 tonnellate di argento per un fatturato illecito di oltre 4 milioni di euro. Tra i soggetti coinvolti principalmente italiani, ma anche asiatici e di etnia rom dimoranti in alcuni campi nomadi della Capitale.

Nel corso delle indagini, sono stati effettuati numerosi sequestri appurando che molto del materiale in oro e argento rinvenuto era riconducibile a furti in abitazione consumati su tutto il territorio nazionale.

L’attività, giunta oggi al suo epilogo con l’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Viterbo, Franca Marinelli, ha avuto inizio nel gennaio del 2014 e si è protratta nella fase dei riscontri e delle indagini – dirette dal sostituto procuratore Fabrizio Tucci – per tutto lo scorso anno.


Condividi la notizia:
24 marzo, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR