--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Il sindaco Sandrino Aquilani: "E' stato tolto ai cittadini l'onere di scrivere una via troppo lunga"

“E’ solo via della Contessa”

Condividi la notizia:

Vetralla - Via Contessa Galiana Vittoria Ruggeri Landerchi

Vetralla – Via Contessa Galiana Vittoria Ruggeri Landerchi 

Sandrino Aquilani

Sandrino Aquilani 

Vetralla – “E’ solo via Contessa, sotto c’è la spiegazione di chi era”.

Insomma, quella che prima era via Via Viterbo Tre Croci poi via Contessa Galiana Vittoria Ruggeri Landerchi adesso è solo via Contessa, il resto serve a spiegare di quale contessa si tratti.

I cittadini di Vetralla possono tirare un sospiro di sollievo: non dovranno ricordarsi tutti i nomi in fila.

Nei giorni scorsi a Tre Croci, frazione di Vetralla, i residenti di via Viterbo si sono visti arrivare i numeri civici con il cambio della via. E subito è montato lo scontento visto che il nome scelto dal comune per la via era l’intuitivo: via Contessa Galiana Vittoria Ruggeri Landerchi. Quarantadue caratteri tutti insieme e della stessa grandezza che hanno fatto preoccupare più di qualcuno. E come se non bastasse, il nome della via risultava pure sbagliata. Visto che uno dei cognomi della contessa era Laderchi e non Landerchi.

Il comune ha ripezzato la vicenda rinominando la via semplicemente via della Contessa. I quattro nomi successivi saranno solo una spiegazione.

Il chiarimento arriva dal sindaco Sandrino Aquilani che, interpellato sull’argomento, risponde piuttosto innervosito: “E’ stato tolto ai cittadini l’onere di scrivere una via troppo lunga. Ma prima di inveire contro qualcuno, bisognerebbe informarsi. Abbiamo ritenuto di dedicare la via a chi ha fatto tanta beneficenza in silenzio. Questo non significa che non ci sono altre persone degne. Basta segnalarcele. Come fatto con don Chelis, parroco che lavorò per la nostra parrocchia. Meglio conosciuto come don Cheri. Tutto qui. Si sta facendo di una semplice vicende un vespaio. Per la popolazione non ci sarà nessun disagio. Tutti i cambiamenti, dalle patenti alle carte d’identità, saranno fatti direttamente dal comune”.

Saranno anche sostituiti tutti i numeri civici dove il nome è stato sbagliato. “Se c’è un errore si ripara – continua il sindaco -. Non capisco dov’è il problema. Qui chi sbaglia paga. Queste sono polemiche di gente che passa le giornate al bar. Io sto perdendo tempo e vorrei occupare di cose più serie. A chi dovrei dare spiegazioni per questo? I cittadini lo sanno, visto che il 30 luglio abbiamo spiegato tutto in consiglio comunale”.

E’ risaputo, infatti, che tutti i vetrallesi partecipano ai consigli comunali.

 

 


Condividi la notizia:
5 agosto, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR