Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Bloccati dalla mobile a poco tempo dal colpo - Gli verrà applicato il braccialetto elettronico - Il questore Suraci: "La polizia è presente sul territorio"

Ai domiciliari i tre rapinatori del Western Union

Condividi la notizia:

Viterbo - Operazione della squadra mobile - Uno degli arrestati - S.F.

Viterbo – Operazione della squadra mobile – Uno degli arrestati – S.F. 

Viterbo - Operazione della squadra mobile - Uno degli arrestati - M.H.

Viterbo – Operazione della squadra mobile – Uno degli arrestati – M.H. 

Viterbo - Operazione della squadra mobile - Uno degli arrestati - M.B.

Viterbo – Operazione della squadra mobile – Uno degli arrestati – M.B. 

Viterbo - Gli uomini della mobile e il questore Suraci

Viterbo – Gli uomini della mobile e il questore Suraci 

Fabio Zampaglione

Fabio Zampaglione 

Il questore Lorenzo Suraci

Il questore Lorenzo Suraci 

Viterbo - Gli agenti della mobile

Viterbo – Gli agenti della mobile 

Viterbo – Ai domiciliari i tre rapinatori del Western Union (video).

Sono bastati pochi giorni agli agenti di polizia della squadra mobile, coordinati da Fabio Zampaglione, per chiudere il cerchio delle indagini sulla rapina consumata lunedì scorso ai danni del Western union di via delle Piagge a san Faustino.

Erano in tre, M.B. residente da due anni nel capoluogo, S.F. viterbese dell’89 e M.H. afghano del ’90, cognato di S.F. Ora tutti e tre sono ai domiciliari per rapina aggravata in concorso.

Gli agenti di polizia della volante e della mobile, sono intervenuti subito la sera del colpo.

“Due dei tre malviventi – spiega il capo della mobile Fabio Zampaglione – sono entrati nel locale col volto coperto e armati di pistola e di un coltello da cucina. Hanno portato via 5mila euro, che era l’incasso della giornata, e poi sono scappati. Grazie alle testimonianze raccolte, in breve, siamo riusciti ad arrestarne uno”.

E’ scattata così una serie di riscontri investigativi. “In sede di convalida dell’arresto – continua –  il pm Stefano D’Arma ha chiesto l’applicazione della misura cautelare a carico di tutti e tre. Il gip Rigato ha così emesso il provvedimento disponendo per loro i domiciliari”.

Con le pattuglie dislocate sul territorio, in poche ore, è stato possibile bloccare anche gli altri due complici. “Uno era in casa, mentre l’altro stava facendo rientro in macchina. Sui tre, nei prossimi giorni, verrà applicato anche il braccialetto elettronico”.

Denunciate anche due donne. “Hanno dato un passaggio a uno dei malviventi dopo il colpo. La loro posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria”. Dopo le rapine dei giorni scorsi, una in via Pertini e l’altra al bar nei pressi della stazione di Porta Romana, gli agenti sono decisi ad andare fino in fondo.

“Viste le modalità con cui i malviventi hanno agito, come per esempio l’uso del coltello da cucina, valuteremo possibili collegamenti con gli episodi delle settimane scorse che hanno creato non poco allarme sociale”.

Soddisfatto per l’esito dell’operazione anche il questore Lorenzo Suraci. “Vogliamo far conoscere le operazioni che stiamo mettendo in atto – ha detto – per far capire alla gente che la polizia è presente e che agisce nel miglior modo possibile per garantire la sicurezza. Abbiamo intensificato i controlli per rassicurare la popolazione visto il periodo di “terrore” dell’ultimo periodo.

L’operazione degli agenti si è conclusa con efficacia e tempestività, scongiurando anche l’ipotesi che i malviventi potessero mettere in atto episodi simili. Continueranno gli accertamenti – ha concluso – noi, come le altre forze dell’ordine, ci siamo e faremo sentire la nostra presenza”.


Condividi la notizia:
19 dicembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR