--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - A chiederlo, in una lettera, è il segretario generale della Uil Fpl Lamberto Mecorio

“Assunzioni sanità, subito un incontro con direttore generale Asl”

Condividi la notizia:

Lamberto Mecorio

Lamberto Mecorio

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Un incontro urgentissimo perché ci sono tutti i presupposti per avviare nella nostra Asl le procedure sia di mobilità sia concorsuali che prevedano il 50% dei posti riservati al personale precario. E questo, in base a quanto previsto dal DPCM 6 marzo 2015, dalla legge di stabilità 2016, e dal D. Lgs 165/2001”.

A chiederlo, con una lettera indirizzata al direttore generale della Asl Viterbo, Daniela Donetti, è il segretario generale della Uil Fpl di Viterbo Lamberto Mecorio, in merito all’autorizzazione ad assumere personale sanitario nella Asl viterbese concessa dalla Regione Lazio in deroga al blocco del turn over.

“Si ritiene a questo punto di passare dalle parole ai fatti – prosegue Mecorio –. Come sindacato ci poniamo a tutela dei disoccupati, del personale precario ‘tutto’, sia con contratto atipico che a tempo determinato e infine anche di chi, nella provincia di Viterbo, per poter lavorare è dovuto emigrare in altre regioni d’Italia.

I disoccupati sono l’anello più debole della catena. Sono giovani che senza occupazione non hanno futuro. Sono quelli per cui i genitori hanno investito economicamente per permettergli di prendere una laurea sanitaria che attualmente si è impolverata in un cassetto.

Sono quelli a cui dobbiamo dare una speranza di un futuro migliore. Poi – sottolinea Mecorio – c’è tutto il personale precario.

Attualmente nella nostra Asl sono circa 250 i professionisti che anche da oltre 10 anni garantiscono il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza. Infine – conclude Lamberto Mecorio – un pensiero va a tutti quei professionisti residenti nella provincia di Viterbo che lavorano in altre Asl e che a causa del blocco della mobilità interaziendale non riescono in alcuni casi anche ad effettuare il ricongiungimento familiare”.

Uil Viterbo


Condividi la notizia:
21 aprile, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR