--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Calcio - Il patron Piero Camilli sugli adeguamenti allo stadio, che entro il 20 giugno il comune dovrà ultimare

“Lavori subito o la Viterbese va in terza categoria”

di Samuele Sansonetti

Condividi la notizia:

Sport - Calcio - Viterbese - Il patron Piero Camilli

Sport – Calcio – Viterbese – Il patron Piero Camilli

Viterbo – E’ tutto fermo.

La Viterbese è in lega Pro ma l’Enrico Rocchi è ancora bloccato alla serie D.

Sono passati sei giorni dal primo sopralluogo della federazione alla Palazzina, una visita che si è ripetuta anche lunedì pomeriggio.

Gli adeguamenti allo stadio sono già noti, come è già nota la loro competenza comunale.

Il termine ultimo per presentarli è fissato a lunedì 20 giugno, ma da palazzo dei Priori non c’è stato ancora nessun segnale.

“E’ tutto fermo – ha spiegato Piero Camilli – anzi immobile. Sono stato in lega a metà maggio dopodiché abbiamo ospitato i funzionari per un sopralluogo. Ho consegnato la lista degli adeguamenti da effettuare ma in comune dormono, non si rendono conto che il tempo stringe”.

Tra meno di un mese lo stadio di Viterbo dovrà essere pronto, altrimenti le conseguenze saranno gravi.
“Io non metto una lira – ha tuonato il patron – e se lo stadio non sarà pronto la Viterbese andrà a fare la Terza categoria, non ci posso fare niente. Non ci si comporta così, troppe chiacchiere e pochi fatti”.

In effetti fino ad oggi il comune si è limitato solamente ad alcuni sopralluoghi.

“Mi hanno chiesto i preventivi – ha concluso Camilli – ma a che titolo li devo fare io? Sanno che bisogna allargare la sala stampa ma ancora non l’hanno fatto, sanno che serve un impianto d’emergenza per l’illuminazione e non lo hanno comprato, sanno che il prato rischia di seccarsi ma ancora non hanno provveduto a limitare i danni.

La panchina va allargata, ne va montata un’altra per il quarto uomo, va allestita la sala Gos, tutte piccole cose ma che vanno fatte immadietamente. Il sindaco è veramente un inetto, non c’è nient’altro da dire”.

Samuele Sansonetti


Condividi la notizia:
25 maggio, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR