Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Consiglio comunale - Installazioni alle rotatorie - Il parere della dirigente Ciambella

“La scritta Caffeina non era pubblicità”

Condividi la notizia:

Viterbo - Il logo di Caffeina alla rotonda di Valle Faul

Viterbo – Il logo di Caffeina alla rotonda di Valle Faul

Mara Ciambella

Mara Ciambella

Viterbo - Il logo di Caffeina alla rotonda di Valle Faul

Viterbo – Il logo di Caffeina alla rotonda di Valle Faul

Chiara Frontini

Chiara Frontini

Viterbo - Lisetta Ciambella

Viterbo – Lisetta Ciambella

Viterbo – (g.f.) – “La scritta Caffeina era una logoscultura”.

Dopo le polemiche per il posizionamento della scritta alle due rotatorie, valle Faul e via della Palazzina, arriva nel consiglio comunale di oggi la replica dell’assessora Luisa Ciambella. Legge un parere del dirigente Mara Ciambella.

Il parere è stato formulato in base a quanto previsto dall’articolo 23 comma 1 del decreto legislativo 285/92.

“In considerazione – scrive Mara Ciambella – che l’impianto veniva descritto come logoscultura Caffeina, non avendo le caratteristiche tipiche dell’impianto pubblicitario, così come stabilito dal comma 8m articolo 47 DPR 495/92.

Il posizionamento della logoscultura, oltre a rivestire carattere della temporaneità, dal 20 giugno al 7 luglio, per le sue dimensioni, non ho ritenuto potesse essere elemento di distrazione dell’attenzione di chi guida”.

La dirigente alla Polizia locale prosegue: “In considerazione che l’evento culturale Caffeina ha risonanza nazionale e la scorsa edizione ha visto partecipare 400mila visitatori, la scrivente reputa che le sculture logo in questione siano state una indicazione utile, visto il posizionamento strategico all’ingresso città per tutti i visitatori che nel periodo di riferimento si sono recati nella città di Viterbo per partecipare all’evento”.

Mara Ciambella poi ricorda qualcosa di simile avvenuto in passato: “Vale la pena d’osservare che sulla stessa rotonda di porta Faul, tempo addietro è stata posizionata una scultura di ferro raffigurante un cavallo che pubblicizzava una manifestazione svoltasi a Tuscania e che nella rotonda al Poggino a oggi è ancora posizionata una scultura simile a una sezione della macchina di santa Rosa, però in entrambi i casi nulla è stato rappresentato al riguardo”.

A chiedere lumi, la consigliera comunale Chiara Frontini (Viterbo 2020). Insoddisfatta della risposta. C’è chi tra i banchi della minoranza ironizza sulla definizione di logoscultura, mentre Aldo Fabbrini (Pd) punta il dito: dieci interrogazioni negli anni scorsi sull’installazione alla rotatoria di via della Palazzina. Senza risposta.

“Il fatto che in passato qualcuno può avere sbagliato – replica Frontini – non significa che si possa legittimare il presente. Sbagliato prima e adesso. Comunque mi fa piacere che ci sia un parere scritto, ognuno si assume le proprie responsabilità”.

Per la consigliera Viterbo 2020 la storia non finisce qui. E’ pronta a scrivere anche al ministero per capire esattamente la situazione.


Condividi la notizia:
12 luglio, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR