--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Nabil Al Zeer, presidente della comunità islamica, condanna gli attentati e tende le braccia ai cattolici: "Presto una celebrazione tutti insieme"

“Pronti a collaborare per la sicurezza”

Condividi la notizia:

Nabil Al Zeer

Nabil Al Zeer

Nabil Al Zeer

Nabil Al Zeer

Viterbo – (m.l.r.) – Ferma condanna agli attentati e fattiva collaborazione con intelligence e forze dell’ordine.

Sono questi i cardini della vita politica e religiosa dell’associazione islamica viterbese, che proprio in questi giorni sta organizzando insieme alla diocesi di Viterbo una celebrazione da tenere insieme. “Per esprimere un messaggio di coraggio e pace”, dice Nabil Al Zeer, presidente dell’associazione islamica di Viterbo.

Questi terroristi – dice Nabil Al Zeer – colpiscono tutti senza distinzione, ovunque musulmani, cristiani e chiunque altro. Sono i nemici della vita, dell’essere umano e delle religioni. L’ultimo loro terribile crimine, è quello nei confronti di padre Hamel, prete di ottantaquattro anni conosciuto per le sue buone anzi ottime relazioni con la comunità islamica e il suo appoggio ad essa nella sua piccola città Saint Etilene Due Rouvray in Francia. L’hanno ucciso perché non vogliono che tali esempi di umana e civile convivenza possano esistere.

Ma nessun gesto terroristico è attribuibile all’Islam, religione di pace, tolleranza e misericordia, chiunque commette questi atti non è musulmano e non è un caso che questi criminali non appartengono e non frequentano comunità islamiche del territorio”.

Dalla comunità islamica viterbese quindi condanna al terrorismo e braccia tese alla comunità cattolica.

Noi della comunità islamica di Viterbo – continua –  siamo qui per esprimere un forte messaggio di pace che con coraggio, sfida tutti i pregiudizi. Pregiudizi che ostacolano la via del dialogo e della convivenza pacifica, abbiamo sempre con coraggio e fermezza condannato questi è tutti gli altri atti di violenza e la strumentalizzazione della religione che sono la causa della rottura dell’armonia all’ interno della società civile dove convivono le minoranze etniche e religiose e il resto della cittadinanza. Noi  di Viterbo, come tutte le comunità islamiche in Italia, dobbiamo rafforzate le relazioni con le istituzioni locali e costruite ponti di dialogo con le chiese, gli enti e le istituzioni religiose, culturali e sociali. L’intelligence – conclude – è sempre in contatto con noi e noi senza esitazione collaboriamo con loro per la sicurezza della cittadinanza locale. Non dobbiamo concentrarci sulle nostre differenze, che pur sussistono, ed è giusto così, ma dobbiamo piuttosto concentrarci sul nostro obbiettivo comune: la pace”.


Condividi la notizia:
29 agosto, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR