--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bomarzo - Acqua nella frazione di Mugnano - Lista Uguaglianza chiede al presidente di Talete e al Garante del Servizio Idrico Regione Lazio di ottemperare a quanto sancito dalla carta dei servizi

“Nessun rimborso per il reclamo ma solo bollette illegibili”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Bomarzo

Bomarzo

Bomarzo – Riceviamo e pubblichiamo – Il 15 marzo, sessantaquattro abitanti del comune di Bomarzo – frazione di Mugnano in Teverina hanno segnalano al presidente della Talete spa la grave situazione in cui versa il servizio idrico, sollecitando un intervento urgente e risolutivo.

Facendo presente che in occasione di ogni precipitazione piovosa, l’acqua distribuita dal pubblico acquedotto non è conforme al decreto legislativo 2 febbraio 2001 n° 31 “Acque destinate al consumo umano”, pertanto, considerata la grave situazione chiedevano:

• Di provvedere ad una pulizia straordinaria della sorgente di Santa Cecilia e delle vasche ubicate nel serbatoio in quanto potrebbero essersi depositate argille che provocano la torbidità delle acque;
• La realizzazione di un nuovo pozzo in prossimità del serbatoio comunale.

La petizione popolare venne inviata al presidente della Talete spa in ottemperanza a quanto stabilito dalla carta dei servizi art. 5.1 Reclami al gestore, riservandosi il diritto di avviare ogni azione necessaria a tutela dei propri interessi senza ulteriore preavviso e per conoscenza al garante del servizio idrico regionale, e alla Asl di Viterbo.

In 13 luglio 2016, gli stessi cittadini/utenti, non avendo ricevuto entro 30 giorni nessuna comunicazione in merito al reclamo sopra indicato cosi come stabilito dall’art. 4.4.1 lettera f – Rimborsi – Carta dei Servizi, hanno richiesto il rimborso di 50 euro per omessa risposta al reclamo del 15 marzo 2016.

A distanza di 120 giorni dalla legittima richiesta degli utenti, Talete spa non solo non ha mandato il rimborso cosi come previsto dalla carta dei servizi, ma ha mandato delle bollette relative al secondo trimestre 2016 illegibili e incomprensibili.

Chiediamo pertanto al presidente della Talete e al Garante del Servizio Idrico Regione Lazio di ottemperare a quanto sancito dalla carta dei servizi.

Lista Uguaglianza


Condividi la notizia:
15 novembre, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR