Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tragedia a Campo Felice - Ettore Palanca, lo sciatore infortunato e soccorso, era originario di Carbognano

Elicottero del 118 precipitato, un viterbese tra le sei vittime

Condividi la notizia:

Ettore Palanca

Ettore Palanca

Ettore Palanca

Ettore Palanca

Ettore Palanca

Ettore Palanca

Carbognano –  Tragedia a Campo Felice. Un viterbese tra le sei vittime dell’elicottero precipitato. Ettore Palanca, 50 anni, era originario di Carbognano.

L’uomo lavorava e viveva a Roma. Era direttore di sala in uno dei ristoranti dell’hotel Hilton a Monte Mario. Amava la montagna e ieri aveva deciso di passare il suo giorno libero dal lavoro, fra la neve.

Mentre stava sciando, l’incidente. Si è fratturato tibia e perone. L’arrivo dei soccorsi e quando ormai sembrava essere in salvo, la disgrazia. L’elicottero del 118 è precipitato da un’altezza di circa seicento metri.

Oltre a Ettore, altre sei persone sono morte.

A Carbognano, Palanca molti se lo ricordano da bambino. Qui ha vissuto la sua infanzia e ha diversi parenti.

Anche il padre è originario di Carbognano e adesso vive a Fabrica di Roma. Nella capitale, l’impiego come maitre, molto apprezzato. Nello stesso albergo dove è occupata anche la moglie. Ieri era al lavoro, ha saputo lì dell’incidente. Avevano un bambino.

Gran lavoratore, per i colleghi, cordiale e gentile sentendo i clienti della struttura, era amante della montagna in ogni stagione. Una passione, come quella che coltivava per lo sport. La corsa fra tutti. Aveva anche partecipato alla Roma – Ostia tre anni fa ed era pure consocio dell’associazione nautica Campo di Mare di Cerveteri.

Tifoso della Juventus, era fan di Vasco Rossi.

Nell’elicottero precipitato hanno trovato la morte, oltre a Ettore, il pilota, due membri del soccorso alpino, un medico e un operatore. Le cause sono da accertare.

Tra le ipotesi, un guasto o un cavo sospeso. Anche la nebbia, che in quel momento era particolarmente fitta, potrebbe avere contribuito.


Condividi la notizia:
25 gennaio, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR