__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vignanello - Gli aggressori sarebbero estremisti di destra - Indagini dei carabinieri

24enne massacrato a calci e pugni per un post su Facebook

Vignanello, Porta del molesino

Vignanello, Porta del molesino

Vignanello – Picchiato a sangue per un post su Facebook. Sarebbe una vignetta goliardica lo sconcertante movente dell’aggressione di sabato sera a Vignanello, dove un 24enne di Vallerano sarebbe stato affrontato da una ventina di giovani tra i 20 e i 30 anni. La vittima avrebbe pubblicato sul suo profilo uno o più meme – diventati virali nell’ultimo periodo – che fanno la parodia ai tipici manifesti neofascisti.

Gli aggressori, tutti di estrema destra, avrebbero agito in gruppo, avvicinando la vittima con fare minaccioso mentre si trovava con alcuni coetanei nei pressi di in centro commerciale. 

Il ragazzo, a fronte dei toni e dell’atteggiamento del gruppo, avrebbe cercato di allontanarsi per evitare che il confronto degenerasse in peggio. Ma a quel punto due o tre attivisti lo avrebbero inseguito, bloccandolo e colpendolo con calci e pugni fino a ridurgli il viso una maschera di sangue. Poi si sarebbero dati alla fuga. 

Il ferito, che ha riportato la frattura del setto nasale, ne avrà per un mese.

Due anni fa un altro episodio analogo,  in occasione di un evento musicale, sempre a Vignanello e sempre a sfondo politico, si era concluso a coltellate. Quattro i presunti responsabili in attesa di processo con l’accusa di lesioni aggravate. Anche stavolta gli aggressori apparterrebbero alla stessa area. 

Gli inquirenti, anche a seguito di un denuncia, starebbero stringendo il cerchio. Gli autori del pestaggio sarebbero in corso di identificazione e le indagini potrebbero chiudersi entro pochi giorni. Si parla di non più di due-tre persone. Al vaglio le posizioni dei compagni, che avrebbero aggredito verbalmente la vittima con insulti e con minacce, senza partecipare al pestaggio. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri. 

Il movente sarebbe stato una vignetta di troppo, come ne girano tante in questi giorni a livello nazionale su Facebook, che fanno il verso ai militanti di movimenti di estrema destra.

Le amministrazioni comunali di Vignanello, Vasanello e Canepina hanno condannato l’episodio annunciando iniziative pubbliche contro la violenza.

17 febbraio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564