Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Migranti - Negato accesso agli atti al consigliere Troili (Pd) - La lettera col rifiuto

Campo all’ex fiera, la prefettura non svela i costi

Viterbo - Migranti - Il centro d'accoglienza all'ex fiera

Viterbo – Migranti – Il centro d’accoglienza all’ex fiera

Viterbo - Migranti - Il centro d'accoglienza all'ex fiera

Viterbo – Migranti – Il centro d’accoglienza all’ex fiera

Viterbo - MIgranti - Il centro d'accoglienza all'ex fiera

Viterbo – Migranti – Il centro d’accoglienza all’ex fiera

Viterbo – (g.f.) – Migranti, quanto costa la struttura all’ex fiera di Viterbo? Non si sa. E dalla prefettura non è dato saperlo. Mistero.

Ieri in quarta commissione, scontro fra i consiglieri d’opposizione e il vice prefetto Salvatore Grillo. Ennesimo incontro andato a vuoto. Grillo al centro delle polemiche, seppure in realtà il destinatario dei rappresentanti di minoranza è il comune. Il sindaco Michelini in particolare.

Sta di fatto che avere contezza di quanto i container e i relativi lavori sulla Cassia nord siano costati, è impresa ciclopica.

Nonostante si tratti di denaro pubblico. Somma messa a disposizione dal ministero dell’Interno, come ha precisato Grillo.

I consiglieri lo hanno chiesto a suo tempo informalmente, ma è stato risposto che serviva una domanda formale. Un accesso agli atti.

Se ne è fatto carico il presidente della quarta commissione Arduino Troili per tutti. Ma pure in questo caso, niente. La risposta è un altro niet.

Non sussiste, riporta la risposta del vice prefetto Grillo: “In capo al richiedente, un interesse concreto e attuale all’accesso”. Della serie, perché mai Troili e altri consiglieri, eletti dai cittadini, s’impicciano?

Dalla prefettura si sono fatti scudo della burocrazia. Manca il presupposto richiesto dall’articolo 22 della legge 241/90.

“Per quanto riguarda poi – prosegue la risposta arrivata dalla prefettura – la richiesta di accesso nella qualità di consigliere comunale, si ritiene che la stessa sia priva di legittimazione attiva, atteso che lo scambio di documenti tra le pubbliche amministrazioni avviene in ragione del principio di leale collaborazione istituzionale”.

E di nuovo il riferimento a stesso articolo, stessa legge. Non resta che appellarsi alla leale collaborazione istituzionale…

17 febbraio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564