Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

avion travel  560x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Barbarano Romano - Accolto il ricorso dei difensori di Gloria Canevazzi, l'ex interprete di Aldo Moro - Dalla parte della proprietaria della struttura si schierarono gli animalisti

Canile sequestrato, bocciata l’ordinanza

Barbarano Romano - L'intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano – L’intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano - L'intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano – L’intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano - L'intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano – L’intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano - L'intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano – L’intervento della Forestale al canile abusivo

Barbarano Romano – Canile sequestrato tra le polemiche il 31 luglio 2015, bocciata l’ordinanza. A distanza di un anno e mezzo, venerdì la Cassazione ha annullato con rinvio al tribunale l’ordinanza di sequestro. Anche se nel frattempo il canile è stato dissequestrato dallo stesso pm poco dopo il blitz della forestale. Più tortuosa la vicenda giudiziaria. 

In difesa di Gloria Canevazzi, la proprietaria della struttura, ex interprete di Aldo Moro, si era mossa l’associazione viterbese MifidoDifido, sostenendo che la donna vivesse per i suoi cani e che “quello che è stato detto su di lei è assolutamente falso e infamante”. Si era parlato di struttura fatiscente, di pessime condizioni igienico-sanitarie, di animali piagati, di topi ovunque.

Il sequestro fece scalpore nell’estate 2015. La forestale sequestrò la struttura, con all’interno 51 cani, il 31 luglio. A settembre furono tolti i sigilli su decisione dello stesso pm.

Nel frattempo la difesa, avvocato Marco Valerio Mazzatosta, aveva già presentato ricorso al Riesame di Viterbo: “Il Riesame ridusse le prescrizioni, ma mantenne il sequestro – spiega Mazzatosta -. Allora facemmo ricorso in Cassazione. Nelle more il pm ha disposto il dissequestro. A distanza di un anno e mezzo, venerdì la Cassazione ha annullato con rinvio al tribunale l’ordinanza di sequestro. Per cui, anche se il pm non avesse dissequestrato, ci sarebbe stata comunque la Cassazione”.

La storia della signora Canevazzi era stata pubblicata nel 2014 sul Fatto Quotidiano: ”Da interprete di Aldo Moro e dei potenti al rifugio dei cani” era il titolo dell’articolo. Nel pezzo, Silvia D’Onghia scriveva: ”Delle Mille e una notte non è rimasto nulla.

Dopo la separazione dal marito (giornalista sportivo) Gloria ha deciso di dedicare la seconda parte della sua vita ai cani. Una passione che l’ha sempre accompagnata ma che da qualche anno ha preso forma a Barbarano Romano, nel Viterbese, nel rifugio dei ‘barba-cani’.

Vivono tutti insieme, Gloria e i suoi 60 cani. Li raccoglie lei per strada o glieli portano a ‘pensione’ e poi li mollano là. Un pezzo di terra e una catapecchia in cui piove dentro e c’è il rischio di rimanere folgorati. Solo che adesso lei non ce la fa più, ha speso tutto quello che aveva e chiede aiuto. “Cibo, antiparassitari, cucce, se non si fidano a darmi dei soldi. Devo trovare un nuovo posto dove andare, perché qui mi hanno dato lo sfratto.

E poi vorrei vedere molti di questi cani adottati: sono giovani, sani e tutti buonissimi. Ho fatto il passo più lungo della gamba? Forse sì, ma mica li posso mollare” dice”.

8 febbraio, 2017

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR