--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Ennesimo consiglio saltato - Maggioranza senza numeri e l'opposizione attacca: "A casa subito"

“Michelini dimettiti!”

Condividi la notizia:

Viterbo - Comune - Consiglio saltato - La conferenza dell'opposizione

Viterbo – Comune – Consiglio saltato – La conferenza dell’opposizione

Viterbo - Comune - Consiglio saltato - La conferenza dell'opposizione

Viterbo – Comune – Consiglio saltato – La conferenza dell’opposizione

Viterbo - Comune - Consiglio saltato - La conferenza dell'opposizione

Viterbo – Comune – Consiglio saltato – La conferenza dell’opposizione

Viterbo – (g.f.) – “Michelini prenda atto della sconfitta e si dimetta”. Salta l’ennesima seduta di consiglio comunale. Maggioranza senza numeri e l’opposizione va all’attacco. Chiede a gran voce che il sindaco prenda atto d’essere senza numeri e rassegnare le dimissioni.

C’è un problema in maggioranza. Forse più di uno. I conti non tornano. “Di solito dal primo al secondo appello – spiega Giulio Marini (FI) – il numero dei presenti aumenta. Oggi al primo erano 14, poi sono diventati 12”. Maggioranza inesistente e insofferente.

“Come pensano – si domanda Chiara Frontini (Viterbo 2020) – d’affrontare così la sessione di bilancio? Senza contare che i temi all’ordine del giorno sono tanti, il bando per le ex Terme Inps, il canile, il campo all’ex Fiera di Viterbo. Tante domande, ma le risposte non arrivano, perché non hanno i numeri per governare”.

E il centrosinistra non si aspetti aiuti dall’opposizione. “Spesso grazie a noi – osserva Goffredo Taborri – i consigli si sono tenuti. Ma d’ora in poi, se non hanno i numeri non riceveranno aiuti. Siamo in campagna elettorale.

Ormai la maggioranza è un morto che parla, lascino tutto. Si vada prima del tempo a casa”.

Il fronte dimissioni subito è ampio. “Chiediamo un atto d’onesta – spiega Sergio Insogna (Gal) – al sindaco. Si dimetta e prenda atto della sua sconfitta”. Giulio Marini (FI) lo incalza: “Lo stanno rosolando”.

Claudio Ubertini oggi avrebbe dovuto ufficializzare il passaggio da Forza Italia a Fratelli d’Italia. Tutto rinviato. “Sono saltate le regole – spiega Ubertini – a oggi non hanno ancora approvato il bilancio in giunta. Dovevano farlo entro il 15 febbraio. Non c’è più nemmeno il minimo rispetto istituzionale e il sindaco non è più in grado di portare avanti l’amministrazione”.

I consigli saltano e la minoranza è “costretta” a improvvisare conferenze stampa. “Ormai siamo al paradosso – osserva Luigi Maria Buzzi (FdI) – si fanno più conferenze che consigli. La seduta è saltata non chissà su quali temi, ma sulle interrogazioni.

Michelini salvi la faccia. E’ una brava persona, ma incapace di governare la città.

Oggi sotto il comune c’era la protesta per il canile, domani saranno altri cittadini. Problemi tanti e tutti senza risposta”.


Condividi la notizia:
23 febbraio, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR