__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Cadavere nel lago di Vico - Si esclude un'aggressione a Martinangeli prima della morte

L’autopsia conferma: “Nessuna violenza”

Alfredo Martinangeli

Alfredo Martinangeli

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione – Nessuna violenza prima della morte. L’autopsia sembrerebbe confermare quanto già emerso dall’ispezione cadaverica: sul corpo di Alfredo Martinangeli il medico legale non avrebbe riscontrato nessuna ferita, nessuna lesione che possa far pensare a un decesso dopo un’aggressione. Ma per avere risposte certe bisognerà aspettare almeno sessanta giorni, quando la perizia verrà consegnata al sostituto procuratore Fabrizio Tucci.

Il cadavere di Martinangeli, 72enne di Caprarola, è affiorato giovedì scorso dalle acque del lago di Vico. Dopo quasi quattro mesi. L’uomo era infatti disperso dal 27 dicembre. Il giorno successivo, sulle sponde del lago, all’altezza della Bella Venere, viene ritrovata la sua Smart. In acqua invece c’è il suo catamarano, abbandonato, con dentro la borsa e i documenti. Da lì in poi il nulla. Fino alle 16 del 13 aprile scorso.

E’ un uomo a chiamare i carabinieri di Ronciglione: da riva vede affiorare qualcosa dalle acque del lago, a quattro\cinque metri di distanza. Uno shock quando, nell’avvicinarsi, si rende conto di trovarsi davanti a un corpo senza vita, in avanzato stato di decomposizione. Subito, il lembo di costa tra Parco Airone e Fiorò si riempie. Sul posto arrivano gli uomini dell’arma e i vigili del fuoco, che riescono a identificare Martinangeli grazie all’orologio e al costume, che aveva ancora addosso dal giorno della scomparsa.

Eseguita l’ispezione cadaverica, il medico legale non avrebbe riscontrato alcuna lesione superficiale sulla salma. A confermare quest’esito anche l’autopsia, effettuata martedì scorso: non sarebbe stata trovata alcuna ferita che possa far pensare a una morte violenta.

 


FotocronacaCadavere emerge dal lago di Vico – slide


20 aprile, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564