__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Corpo senza vita nel lago di Vico - Il 72enne di Caprarola scomparso da quasi quattro mesi - Per averne conferma bisognerà attendere gli esami medicolegali - La salma è affiorata a cinque metri dalla riva

Potrebbe essere il cadavere di Martinangeli

 
 

Alfredo Martinangeli

Alfredo Martinangeli

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione - Cadavere emerge dal lago di Vico - Le operazioni di recupero

Ronciglione – Cadavere emerge dal lago di Vico – Le operazioni di recupero

Ronciglione – E’ affiorato a cinque metri dalla riva il cadavere trovato ieri nelle acque del lago di Vico.

MultimediaCadavere emerge dal lago di Vico – slide – video

Il corpo sembrerebbe essere proprio quello di Alfredo Martinangeli, scomparso da quasi quattro mesi proprio in quella zona. Per gli inquirenti il cadavere – sebbene sia stato trovato in un avanzato stato di decomposizione – sarebbe del 72enne di Caprarola disperso. Ma per averne conferma bisognerà attendere almeno gli esiti dell’esame esterno, che nelle prossime ore verrà affidato al medico legale dal sostituto procuratore Fabrizio Tucci.

Martinangeli sparisce il 27 dicembre scorso. Il giorno successivo, all’altezza della Bella Venere, viene ritrovata la sua auto: una Smart nera, aperta. Poi, in mezzo al lago, viene individuata la sua imbarcazione. All’interno, la borsa e i documenti. Da lì in poi il nulla. Per quasi quattro mesi. Fino a ieri.

L’allarme intorno alle 16. E’ un uomo a chiamare i carabinieri di Ronciglione: da riva vede affiorare qualcosa dalle acque del lago, a quattro\cinque metri di distanza. Uno shock quando, nell’avvicinarsi, si rende conto di trovarsi davanti a un corpo senza vita.

Subito, il lembo di costa tra Parco Airone e Fiorò si riempie. Sul posto ci sono gli uomini dell’arma e i vigili del fuoco. Dopo le operazioni di recupero, il cadavere è stato posto sotto sequestro. Eseguito l’esame esterno, il pm Tucci deciderà se disporre l’autopsia e gli accertamenti biologici.

14 aprile, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564