--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Trasporti - Il comitato Roma Nord: "Incendi e disservizi hanno bloccato la linea fino a sera"

Domenica da dimenticare per i pendolari…

Pendolari davanti alla stazione di Maccarese

Pendolari davanti alla stazione di Maccarese

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Che il servizio ferroviario festivo fosse al limite della decenza per la linea FL5 Roma -€“ Civitavecchia -€“ Montalto era noto da tempo, ma quanto accaduto ieri, domenica 16 luglio, ne ha dimostrato totalmente l’€™inefficienza. 

Tutto ha inizio in tarda mattinata quando, a causa di un incendio sviluppatosi tra Capalbio e Montalto, si sono fermati i collegamenti da e per la Toscana che garantiscono la maggiore parte dell’€™offerta ferroviaria festiva sulla nostra linea e senza i quali si può€™ contare soltanto sulle poche corse finanziate dal contratto di servizio con la Regione Lazio.

Ma il danno peggiore si 耙 verificato intorno alle 16, quando a causa di un vasto incendio sviluppatosi nei pressi di Palo Laziale, anche questi ultimi si sono dovuti fermare, lasciando totalmente scoperto il servizio fino alle ore 18:30, momento in cui finalmente 耙 stato attivato un servizio sostitutivo con bus. L’istituzione tardiva del servizio autosostitutivo ha provocato un enorme accumulo di persone nei piazzali delle stazioni ferroviarie, complice anche il panico causato dall’€™assenza di informazioni e personale in luogo, difficilmente gestibile con bus che ha richiesto anche l’€™intervento delle forze dell’€™ordine per fornire ausilio ai malcapitati.

E’€™ impossibile che dall’€™inizio dell’€™interruzione si sia dovuto attendere il tardo pomeriggio per avere degli autobus, considerando anche la presenza di aziende sul litorale (di cui due a Cerveteri, ma se ne contano altre tra Fiumicino e Civitavecchia) che avrebbero potuto fornire il servizio in tempi più€™ ristretti data la prossimità€™ alle località€™ interessate.

La presenza di personale specializzato delle ferrovie sul posto, come al solito assente, 耙 da ritenersi di fondamentale importanza, sia per fornire una più efficace assistenza, sia per evitare scene di panico, soprattutto in stazioni come ad esempio Maccarese, dove non sono disponibili altre modalità€™ di trasporto per proseguire il viaggio (ad eccezione del nuovo servizio sperimentale Ladispoli-Aeroporto) . 

L’€™istituzione di un’€™unità€™ di crisi€ in stretto contatto con il personale sul luogo ed i servizi sostitutivi, consentirebbe infatti un monitoraggio continuo della situazione dei luoghi consentendo anche una più€™ efficiente gestione della situazione.

Da tempo chiediamo un miglioramento del servizio festivo, per soddisfare la domanda di utenti lavoratori che devono recarsi a Roma per lavoro e per i numerosi turisti che soprattutto nel periodo estivo scelgono il litorale per passare le loro giornate, nonch這 un rafforzamento che consenta di distribuire le corse nella giornata e non dipendere soltanto dai treni provenienti dalla Toscana che tra l’€™altro non effettuano le fermate intermedie.

Ma il dito non va puntato soltanto verso il servizio ferroviario, ma anche verso la non curanza delle varie amministrazioni (private e pubbliche), le quali non effettuando la manutenzione delle sterpaglie nei dintorni della linea aumentano la facilità€™ di sviluppo di incendi e quindi di disservizi per la collettività€™ tutta, che tanto ci hanno fatto penare negli ultimi giorni.

Comitato pendolari litoranea Roma Nord

17 luglio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564