Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Intossicazione alimentare - Per due mesi è stato ricoverato in rianimazione all'ospedale di Perugia - Il 26enne è ancora in coma

Avvelenamento da botulino, lo studente viterbese trasferito a Belcolle

Viterbo - L'ospedale di Belcolle

Viterbo – L’ospedale di Belcolle

Viterbo – E’ stato trasferito all’ospedale di Belcolle R.D.P., lo studente viterbese di 26 anni vittima di un avvelenamento da botulino insieme al coinquilino pugliese di 21 anni.

R.D.P. è tornato a Viterbo a due mesi dall’intossicazione, avvenuta il 17 giugno scorso. Quel sabato sera, nel loro appartamento nel quartiere Monteluce di Perugia, i due studenti fuorisede avrebbero cenato con cibi inviati da una delle due famiglie. Cibi presumibilmente mal conservati, che gli hanno provocato l’avvelenamento alimentare.

Immediata la corsa all’ospedale del capoluogo umbro Santa Maria della Misericordia, dove R.D.P. e il 21enne sono stati ricoverati per quasi due mesi: il 26enne viterbese sempre reparto di rianimazione, il coinquilino è stato poi trasferito nella struttura di degenza di malattie infettive. A inizio agosto è stato dimesso, ed è tornato a casa, a Lecce.

Massimo riserbo dei medici sulle condizioni di R.D.P. I sanitari si limitano a far sapere che le “sue condizioni sono stabili”.

13 agosto, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564