__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Vitorchiano - Ieri davanti al giudice Rita Cialoni - Tre le parti civili

Stalking e lesioni, al via il processo al consigliere Baglioni

Vitorchiano - Massimiliano Baglioni

Vitorchiano – Massimiliano Baglioni

Vitorchiano – (sil.co) – Veleni al comune di Vitorchiano, al via ieri davanti al giudice Rita Cialoni il processo per stalking e lesioni al consigliere Massimiliano Baglioni, 48 anni, capogruppo della lista Progetto Futuro Vitorchiano.

Tutte donne le tre parti offese, che si sono costituite parti civili davanti al gup Stefano Pepe, assistite dagli avvocati Carmelo Ratano e Mirko Bandiera.

Tra loro un’impiegata; l’attuale assessore con delega al bilancio Annalisa Creta, nella giunta del sindaco Ruggero Grassotti per la lista civica Insieme per Vitorchiano; e l’ex capogruppo Alessandra Scorzoso, che sarebbe stata costretta a dimettersi dalla carica di presidente del consiglio per la persecuzione.

Il processo entrerà nel vivo il 12 aprile 2018, giorno in cui saranno ascoltati in aula ai primi testimoni dell’accusa, che sentirà per prime le presunte parti offese, cui verrà chiesto di ricostruire l’accaduto. Baglioni sarà difeso dall’avvocato Riccardo Catini.

I fatti risalgono al 2012-2013. Baglioni, in quanto consigliere di minoranza, avrebbe chiesto con insistenza accesso ad atti amministrativi, arrivando a molestare il personale dell’ufficio tecnico. Alla Creta avrebbe rivolto pesanti insinuazioni, toccando la sua vita privata, coinvolgendo i genitori ed esprimendo livore nei suoi confronti sia sul web che nei bar.

La Scorzosi sarebbe dovuta ricorrere a farmaci antidepressivi. Innumerevoli i post anonimi. Impossibile recarsi non solo in Comune, ma anche a manifestazioni pubbliche, tipo eventi o feste, nonché prendere parte come di consueto all’attività teatrale.

Baglioni avrebbe anche seguito e finto di essere investito da una delle vittime per spaventarla e sbattuto la porta in faccia a un’altra durante il consiglio comunale, provocandole una lesione al polso quando ha alzato le mani per difendersi.

Nel mirino del “ciclone Baglioni”, tre anni fa, finì anche la festa di Halloween organizzata al chiostro di sant’Agnese.

“Regolarmente autorizzata – scrisse in una nota proprio la Scorzoso – una festa che ha coinvolto i giovani di Vitorchiano grazie allo spirito aggregativo tipico dell’associazione Ianus. Un buon amministratore dovrebbe sostenere e preservare associazioni come la Ianus, come la compagnia In..stabile e la stessa Pro Loco. Invece abbiamo un consigliere giustizialista che sta intimidendo e scoraggiando il lavori dei nostri volontari”.

12 settembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564