__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Il direttore generale della Banca d'Italia nel motivare la nomina del commissario: "Evitare l'ulteriore deterioramento della situazione aziendale e pervenire alla cessazione dell'attività"

“Banca sviluppo Tuscia, gravi irregolarità nell’amministrazione”

Viterbo - Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo – Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo - Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo – Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo - Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo – Banca Sviluppo Tuscia

Viterbo – “Banca sviluppo Tuscia, gravi irregolarità nell’amministrazione e deterioramento significativo della situazione aziendale”. Il direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, motiva la nomina del “commissario”.

Le “misure di intervento precoce”, pubblicate mercoledì scorso sulla gazzetta ufficiale di Bankitalia, sono datate 22 agosto quando Rossi ha nominato “con efficacia immediata Gregorio Monachino quale commissario in temporaneo affiancamento al consiglio di amministrazione”. Il motivo? “La sussistenza delle gravi irregolarità nell’amministrazione e il deterioramento significativo della situazione aziendale”, spiega il direttore generale.

Due le “misure di intervento precoce” disposte dalla Banca d’Italia, “tenuto conto dell’esigenza di evitare l’ulteriore deterioramento della situazione aziendale e di pervenire alla tempestiva e ordinata cessazione dell’attività dell’intermediario”.

La prima prevede, “in via d’urgenza, la tempestiva convocazione di una riunione congiunta degli organi collegiali alla presenza del commissario in temporaneo affiancamento, finalizzata all’esame della complessiva situazione aziendale alla luce delle risultanze ispettive e all’assunzione delle determinazioni necessarie per assicurare un’uscita tempestiva e ordinata dal mercato dando immediato avvio a un percorso aggregativo con altro intermedio di adeguato standing. Ovvero alla cessione di attività e passività e alla liquidazione volontaria della società”.

La seconda misura di intervento precoce prevede, invece, “la nomina, con efficacia immediata, di Gregorio Monachino quale commissario in temporaneo affiancamento al consiglio di amministrazione. Con il mandato di supportare l’individuazione e la finalizzazione, nell’arco di tempo previsto, di un progetto di integrazione aziendale con un soggetto bancario di adeguato standing, ovvero la cessione di attività e passività e la liquidazione volontaria”. Oltre a “promuovere il ripristino di condizioni di regolarità gestionale nel lasso di tempo necessario per il perfezionamento dell’operazione”.


Il testo pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Banca d’Italia l’11 ottobre 2012


IL DIRETTORE GENERALE

(Omissis).

Si ravvisa la sussistenza delle gravi irregolarità nell’amministrazione e il deterioramento significativo della situazione aziendale, di cui all’art. 69-octiesdecies, comma 1, lett. b) del TUB.

(Omissis).

Tenuto conto dell’esigenza di evitare l’ulteriore deterioramento della situazione aziendale e di pervenire alla tempestiva e ordinata cessazione dell’attività dell’intermediario, si dispone l’assunzione delle misure di intervento precoce di seguito indicate: in via d’urgenza, in relazione a tutto quanto precede, la tempestiva convocazione – ai sensi dell’art. 53-bis, comma 1, lett. b) del TUB – di una riunione congiunta degli Organi collegiali, alla presenza del Commissario in temporaneo affiancamento, finalizzata all’esame della complessiva situazione aziendale, alla luce delle risultanze ispettive, e all’assunzione delle determinazioni necessarie per assicurare un’uscita tempestiva e ordinata dal mercato dando immediato avvio a un percorso aggregativo con altro intermedio di adeguato standing ovvero alla cessione di attività e passività e alla liquidazione volontaria della società.

(Omissis);

ai sensi dell’art. 75-bis, comma 1, del TUB, la nomina, con efficacia immediata, del Dott. Gregorio Monachino, nato a Bari, il 1° gennaio 1955, quale Commissario in temporaneo affiancamento al Consiglio di amministrazione, con il mandato di: i) supportare l’individuazione e la finalizzazione, nell’arco di tempo previsto, di un progetto di integrazione aziendale con un soggetto bancario di adeguato standing ovvero la cessione di attivita’ e passività e la liquidazione volontaria; ii) promuovere il ripristino di condizioni di regolarità gestionale nel lasso di tempo necessario per il perfezionamento dell’operazione.

(Omissis).

Roma, 22 agosto 2017

Il direttore generale: Rossi

13 ottobre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564