Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Caffeina Christmas Village - L'assessora Perà replica a Barelli: "Non si possono prendere in giro i cittadini"

“Erano stati informati e l’impianto non era destinato alla filodiffusione”

Viterbo - L'assessore allo Sviluppo economico del comune di Viterbo Sonia Perà

Viterbo – L’assessore allo Sviluppo economico del comune di Viterbo Sonia Perà

Viterbo - Caffeina Christmas Village

Viterbo – Caffeina Christmas Village

Viterbo - Caffeina Christmas Village - Il Mondo Magico al Paradosso

Viterbo – Caffeina Christmas Village – Il Mondo Magico al Paradosso

Viterbo - Caffeina Christmas village - Villaggio degli elfi

Viterbo – Caffeina Christmas village – Villaggio degli elfi

 

Viterbo – (g.f.) – “Questa è l’ennesima bugia che non la tollero”. Stop alla musica al Caffeina Christmas Village, l’assessora allo Sviluppo economico Sonia Perà, dopo avere letto le dichiarazioni di Giacomo Barelli se l’è sonoramente presa.

Non ci sta a passare da guastafeste natalizie. “La verità – sostiene Perà – è che Barelli ha partecipato alle varie riunioni della commissione di vigilanza, ha sempre firmato i verbali. L’altro ieri non era presente e gli è stato inviato il resoconto via posta certificata. Tra l’altro, prima d’emetterlo, gli uffici hanno parlato a voce con Andrea Baffo e successivamente Barelli ha chiamato per avere chiarimenti”. Quindi, per l’assessora, la fondazione conosceva il contenuto della comunicazione. Spedita a Barelli.

Ma l’ex assessore comunale sostiene che non era a lui che la comunicazione andava indirizzata. “Io non vorrei innescare polemiche e vorrei evitare d’entrare troppo nel merito – precisa Perà – tuttavia, è stato Barelli a comunicare a noi, dopo le vicende legate al teatro Caffeina, d’essere il referente per la fondazione e il teatro stesso, tramite lettera.

Si è qualificato come la persona con cui interloquire. I cittadini non vanno presi in giro. Poi, se lo ritengono possono fare tutti i ricorsi che credono per la notifica. Ma questi sono i fatti. Non si possono raccontare cavolate.

Lo ripeto, Barelli ha presieduto a tutte le sedute della commissione di vigilanza che sono state effettuate. Ha firmato i verbali in cui erano riportate le prescrizioni, sapeva delle problematiche legate alla filodiffusione. Tanto che nel verbale sono riportati orari precisi e che avrebbero dovuto prestare particolare attenzione alle casse posizionate sotto le finestre.

Lo sapevano, tanto è vero che il verbale è stato sottoscritto”.

Si temevano problemi con i residenti. “Li abbiamo più volte sentiti informalmente, anche per metterli in contatto con il comitato San Pellegrino, per accordarsi e fare attenzione, se esistevano punti problematici”.

Sonia Perà, una spiegazione di quanto accaduto se l’è data. “A mio parere – continua l’assessora – il problema della filodiffusione nasce da un dato tecnico. Quello posizionato non è un vero impianto di filodiffusione, ma composto d’altoparlanti posizionati per la sicurezza. Di conseguenza, la musica non risulta omogenea come livello. In alcuni punti è in un modo e in altri è diverso”.

Sistema non destinato a diffondere canzoni di Natale, quindi. “Se Filippo Rossi avesse fatto un investimento come si deve, avrebbe potuto posizionare normali casse. Forse tutto questo problema non ci sarebbe stato.

Invece, si usa un impianto nato per la sicurezza ed ecco perché non è compreso nella famosa deroga all’impatto acustico”.

C’è stato l’esposto da parte di cittadini e il comune ha proceduto. “Che dovevamo fare? – si domanda l’assessora – ancora una volta far notificare il provvedimento dalle guardie?

Abbiamo scelto un’altra strada e loro sapevano tutto. Tanto è vero che hanno fatto pure chiamare dai loro tecnici”.

Adesso però nel villaggio turistico è sceso il silenzio. “Da parte mia ho fatto presente che c’è già una commissione convocata per il 7 dicembre. In quella sede possiamo esaminare la situazione. Ho pure detto che se serve la anticipiamo. Proprio perché capisco le esigenze. Seppure si tratti di musica in strada, non ci sono danni per le attrazioni”.

3 dicembre, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564