Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Le donne volevano rubare in casa dell'agente - Il surreale episodio in via Monte Nevoso

Poliziotto in mutande insegue due ladre e le arresta

Viterbo - Poliziotto in mutande arresta e insegue due ladre in via Monte Nevoso

Viterbo – Poliziotto in mutande arresta e insegue due ladre in via Monte Nevoso

Polizia

Polizia

Viterbo – Surreale arresto in via Monte Nevoso. Poliziotto insegue in mutande due ladre e le ammanetta. Avevano appena rubato nella sua abitazione.

Sono da poco passate le 12 di giovedì quando una coppia di donne entra in una casa nel quartiere Cappuccini, a Viterbo.  L’agente che, purtroppo per loro, era nel proprio appartamento avrebbe sentito ripetutamente suonare il citofono e poi il campanello. Considerata l’insistenza, dalla camera da letto è così andato all’ingresso, ma nel corridoio si è imbattuto nelle due donne

Dopo essersi qualificato come appartenente alla polizia di stato, ha intimato alla coppia di fermarsi. Ma le donne, incuranti, si sono date alla fuga. L’agente le insegue. Essendo fuori dal servizio, non era in divisa. Anzi, non indossava proprio nulla. Il poliziotto, preso di soprassalto dalle due, le ha rincorse. Ma era scalzo, e soprattutto in mutande.

Un inseguimento di alcuni metri tra le vie del quartiere, finché l’agente non è riuscito a raggiungere e fermare la coppia in via Monte Nevoso. Un arresto surreale, proprio per il particolare “abbigliamento” del poliziotto che, nonostante le temperature rigide, non si è perso d’animo precipitandosi fuori casa in calzini, mutande e canottiera.

Fino a ieri, l’abito non faceva il monaco. Da oggi, non fa il poliziotto. Che, non curandosi di essere praticamente quasi nudo, è sceso in strada pensando solo a inseguire, raggiungere, fermare e arrestare le donne. Poi ha chiamato in questura, chiedendo l’intervento dei colleghi. In suo supporto è intervenuta la squadra volante.

L’intraprendenza dell’agente, a cui chi vive nella zona ha potuto assistere e in alcuni casi filmare con il cellulare, è stata ottima. Portata negli uffici di via Romiti, la coppia è stata sottoposta a un controllo in banca dati, da cui è emerso che su D.J., 23 anni, pendevano ben due mandati di cattura per un’ordinanza d’arresto del tribunale. “Era ricercata – spiega la questura – per diverse pene da scontare, e anche per furti già commessi in zona. E, con un provvedimento del questore, è stata allontanata dalla città”.

Le due donne sono entrambi nomadi. E mentre a D.J. è stato notificato anche il foglio di via obbligatorio, S.S., 33 anni, è stata denunciata anche per inottemperanza al foglio di via obbligatorio. “Nel 2015 – spiega la questura – era già sottoposta all’allontanamento da Viterbo”.

Per essere entrate in casa del poliziotto, sono state arrestate per tentato furto aggravato e possesso di strumenti atti allo scasso. Su disposizione del pm hanno passato la notte nelle camere di sicurezza della questura. Ieri, si è invece tenuto il processo per direttissima davanti al giudice del tribunale di Viterbo. L’arresto è stato convalidato, ma il magistrato le ha rimesse in libertà con l’obbligo di firma.

Ma per la 23enne D.J. la squadra mobile ha eseguito un ordine d’arresto della procura di Ascoli Piceno, e stata quindi portata nel carcere di Rebibbia.

13 gennaio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR