Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Uno di loro era già detenuto in carcere a Viterbo - La droga arrivava anche nella Tuscia

Traffico internazionale di cocaina, 11 arresti

Condividi la notizia:

Carabinieri

Carabinieri

Roma – Traffico di droga internazionale, sgominata banda.

All’alba di ieri i carabinieri hanno arrestato 11 persone con l’accusa di traffico internazionale di droga. 

8 si trovano in carcere e 3 ai domiciliari. L’ordinanza è stata emessa dal gip di Roma.

Si tratterebbe di un gruppo formato da italiani e albanesi che operavano a Roma. Il traffico riguardava principalmente cocaina che veniva importata da Spagna e Olanda.

La droga veniva poi immessa nella zona di Roma, Viterbo, Frosinone e Foggia.

L’operazione ha visto al lavoro i carabinieri della compagnia Roma centro, in collaborazione con le divisioni Interpol, il servizio di cooperazione internazionale della direzione centrale di polizia criminale e le polizie di Albania e Spagna.

Tra le basi in cui operava il gruppo una casa ad Anagnina dove sono stati sequestrati 4 chili di cocaina pura al 92%. E’ stato inoltre sequestrato un chilo di hashish e circa 36mila euro in contanti, provento del traffico di droga.

Ad occuparsi del trasporto persone ritenute insospettabili tra cui dei giovani incensurati.

Sono in tutto 31 gli indagati, di cui molti di nazionalità albanese. 11 delle 31 persone sono state arrestate in flagranza.

Uno di loro era già detenuto a Mammagialla per altri reati ed è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Le indagini hanno portato anche all’arresto di due latitanti colpiti da ordini di cattura internazionali per reati connessi alla droga e che gli indagati avrebbero ospitato e aiutato.

L’ordinanza ha accolto le richieste avanzate dalla Direzione distrettuale antimafia della procura Repubblica di Roma, nell’ambito dell’indagine convenzionalmente denominata “Nadir”.


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR