--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tragedia sfiorata a Capodimonte - Pizzeria divorata dalle fiamme - Il racconto di Mariana Gavazova, la proprietaria della Terrazza dell'Airone distrutta da un incendio: "Sono sotto shock" - Il sindaco Mario Fanelli: "In un'ora è andata in fumo un'attività portata avanti da anni"

“Il fuoco ha inghiottito il mio locale in un attimo…”

di Raffaele Strocchia

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Capodimonte - Lo scheletro del ristorante dopo l'incendio

Capodimonte – Lo scheletro del ristorante dopo l’incendio

Capodimonte - Il ristorante prima dell'incendio

Capodimonte – Il ristorante prima dell’incendio

Mariana Gavazova

Mariana Gavazova

Capodimonte - In fiamme un ristorante

Capodimonte – In fiamme un ristorante

Capodimonte - In fiamme un ristorante

Capodimonte – In fiamme un ristorante

Capodimonte - Lo scheletro del ristorante dopo l'incendio

Capodimonte – Lo scheletro del ristorante dopo l’incendio

Mario Fanelli

Mario Fanelli

Capodimonte – Fuoco, fumo e fiamme sono ancora impressi negli occhi di Mariana Gavazova. Lei è la proprietaria della Terrazza dell’Airone, la storica pizzeria sul lungolago di Capodimonte che sabato sera è stata ridotta in cenere da un maledetto incendio. Poteva essere una tragedia. “Sono ancora sotto shock – racconta Gavazova -, lo siamo tutti. Devo ancora realizzare e rendermi conto di quello che è successo, perché è successo tutto così in fretta. Fuoco e fumo hanno inghiottito il mio locale in un attimo, e tutto è andato bruciato”.


Fotocronaca: In fiamme una pizzeria


Ora di quella pizzeria che da viale Regina Margherita dà sul lago di Bolsena, non resta che uno scheletro. “Sono rimaste solo le mura in cemento – continua Gavazova -, perché le fiamme hanno divorato tutta la copertura in legno. A breve inizieremo la conta dei danni, ma è andato tutto distrutto”.

All’incendio sono bastati pochi minuti per mandare in fumo un’attività che era il risultato di anni e anni di sudore e fatica. “Era appena iniziata la serata – dice Gavazova – quando sul lungolago ha iniziato a soffiare un vento fortissimo. Le finestre della pizzeria si chiudevano da sole e sbattevano, c’era rumore e trambusto. Poi le fiamme. Mio marito, vigile del fuoco, ha provato a contenerle, ma per un uomo solo era una situazione ingestibile”.

I clienti, una trentina, sono stati fatti uscire dal locale. Rapidamente, e per fortuna nessuno è rimasto né ferito né intossicato. Poi l’intervento dei pompieri di Viterbo e di Gradoli, dei carabinieri e del 118. “Le fiamme sono state domate in quaranta minuti – spiega Gavazova -, perché la Tramontana continuava ad alimentarle. Ma le operazioni sono andate avanti fino a notte fonda, con i soccorritori che hanno proceduto ai rilievi e ai primi accertamenti. L’incendio sarebbe stato accidentale, con il fuoco che sarebbe divampato dal forno o dalla canna fumaria. Ma devono essere fatte verifiche più approfondite”.

E sabato sera su viale Regina Margherita si è precipitato anche il sindaco di Capodimonte, Mario Fanelli. “È stata un sventura – commenta il primo cittadino -, mi dispiace anche perché l’estate è alle porte e la stagione potrebbe essere compromessa. Quella sera tutti ce l’hanno messa tutta, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. È andato tutto distrutto, il forno e ciò che era nel locale. Quest’episodio mi ha fatto male, perché quest’attività veniva portata avanti da anni e in un’ora è andata in fumo. Auguro ai proprietari di riuscire a rimetterla in piedi nel minor tempo possibile, così da poter rinziare a lavorare”.

Il primo pensiero, subito accantonato, dei soccorritori intervenuti sarebbe stato quello di ricollegare l’incendio della Terrazza dell’Airone a una serie di presunti episodi dolosi avvenuti nelle scorse settimane, sempre a Capodimonte e sempre ai danni di alcune attività. “Il mese scorso – spiega il sindaco Fanelli -, nella stessa serata, sono state appiccate le fiamme ad alcuni locali. Un chioso sul lungolago ha subito danni, mentre in altri, tra cui un ristorante e il camping, ci sono stati solo principi di incendio, perché i pompieri sono riusciti a domare il fuoco in tempo. Ora, insieme ai carabinieri, stanno portando avanti le indagini per individuare i piromani, che avrebbero utilizzato degli pneumatici per far partire le fiamme”.

Raffaele Strocchia


– Paura a Capodimonte, in fiamme una pizzeria

16 aprile, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR