Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Macchina di Santa Rosa - Il presidente Massimo Mecarini durante le prove di portata

“Nessuna rivoluzione nella formazione dei facchini”

Viterbo - La chiesa di Santa Maria della Pace

Viterbo – La chiesa di Santa Maria della Pace

Viterbo - Le prove di portata per i facchini

Viterbo – Le prove di portata per i facchini

Viterbo - Massimo Mecarini

Viterbo – Massimo Mecarini

Viterbo - Le prove di portata per i facchini

Viterbo – Le prove di portata per i facchini

Viterbo – (dan.ca.) – Buona la prima, nessuna sbavatura. Iniziate oggi le prove di portata in vista del trasporto della Macchina di Santa Rosa del 3 settembre, quando la patrona di Viterbo attraverserà le vie del centro storico.

Multimedia: La prova di portata dei facchiniVideo 

“Possiamo dire che le prove sono state tutte regolari – ha dichiarato il presidente del Sodalizio dei Facchini Massimo Mecarini -. Contiamo quindi che non ci saranno rivoluzioni nella formazione”.

I giorni dedicati alle prove sono tre, 150 chili a spalla. Tre giri del percorso disegnato all’interno della chiesa di Santa Maria della Pace in largo Concetti. Novanta metri di percorso. 

Dovranno farlo tutti i facchini di Santa Rosa, 181 in tutto. Oggi pomeriggio la prima ottantina. Tra domani e dopodomani il resto. 

“Le prove di oggi – spiega Mecarini – sono solo per i facchini consolidati. Prossimi due giorni toccherà pure agli aspiranti facchini. La prova consiste nel portare una cassa del peso di 150 chili

Attorno alla pista i facchini. Qualcuno si siede sui gradini e chiacchiera con gli altri. Ciascuno aspetta il suo turno. In fondo i familiari. Mogli, figli, madri e padri. Qualcuno cerca i suoi. Applaudono, a volte fanno il tifo. Richiamati però dal capo facchino Sandro Rossi, microfono in mano. “Silenzio, per favore”. Come una partita di tennis al Roland Garros.

Da domani, verrà data anche la possibilità di entrare a far parte della squadra dei facchini. Chiunque potrà provare a sollevare i 150 chili del baldacchino e fare i canonici tre giri di pista. Chi ce la farà, verrà preso in considerazione per il trasporto. Altrimenti c’è sempre il prossimo anno. Di certo più allenati.

“Per quanto riguarda gli aspiranti – ha sottolineato il presidente del Sodalizio – vedremo quello che succede. Dopodiché, in base al turn over e alle nostre esigenze, potremmo arruolare nuovi facchini”.

Alla prova, assieme a Mecarini e Rossi, hanno assisto anche il dirigente di polizia Riccardo Bartoli, l’avvocato Giovanni Bartoletti, l’architetto della macchina di santa Rosa Raffaele Ascenzi, Lorenzo Celestini, Guido Politini e Getulio Laurenti, rispettivamente presidente emerito, già vice presidente e consigliere del Sodalizio. Infine, Maurizio Casciani della fondazione Oltre noi e il costruttore della macchina di Santa Rosa Vincenzo Fiorillo.

“La prova deve essere eseguita correttamente e senza sbavature – ha detto Mecarini -. Questo per dimostrare che sotto la macchina il facchino è in grado di sopportare un peso anche superiore ai 150 chili”. 

Daniele Camilli

 

 

21 giugno, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR