--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni comunali 2018 - Viterbo - Chiara Frontini in vista del ballottaggio lancia il guanto al suo avversario

“Sfido Arena a un confronto pubblico in piazza”

di Giuseppe Ferlicca

Viterbo – “Sfido pubblicamente il mio competitor a un confronto in piazza”.

Quella elettorale di sfida, per Chiara Frontini (Viterbo 2020) ci sarà il 24 giugno, giorno del ballottaggio per le comunali. Prima di allora, la candidata sindaca lancia il guanto al suo antagonista, Giovanni Arena.

“Lo sfido apertamente – dice Frontini – a uno o più dibattiti pubblici, senza moderatori o intermediari, in cui raccontiamo le nostre idee per la città. Ma in piazza e tra la gente, non a porte chiuse”.

Chiara Frontini

Giusto il tempo di riprendersi dalla maratona elettorale, Frontini è già ripartita. E comunque vada al secondo turno, sarà un successo. Perché: “Noi abbiamo già vinto – osserva Frontini – adesso insieme dobbiamo far vincere la città. E si vince solo se si cambia”.

La sfida del ballottaggio, la candidata sindaca la vede tra due visioni contrapposte. “Tra futuro e presente – insiste Frontini – tra una città che guarda avanti e non si accontenta di minestre riscaldate e una che si arrende alle politiche di spartizione, alle candidature imposte da Roma e che i cittadini hanno dimostrato di non volere”.

Chiara Frontini

L’esito delle urne per Chiara Frontini è stato chiaro. “Oggettivamente siamo la prima forza politica in città. È vero, mi sono presentata con due liste, ma solo perché eravamo in troppi e in una non c’era spazio per tutti”. Adesso si riparte: “Al ballottaggio non conta quanto ottenuto al primo turno. Si ricomincia da 0 a 0 e ogni risultato è possibile. Non c’è calcolo che tiene e la storia politica del territorio ce lo racconta.

Nel 2005 in provincia, Battistoni arrivò a oltre il 49%, ma al secondo turno perse”.

Frontini ringrazia la sua squadra e soprattutto gli elettori che hanno deciso di sostenerla e fa una previsione: “La storia culturale della nostra città è composta da donne che riscrivono il destino di Viterbo – osserva Frontini – sono state tante e sarà una donna a ridare speranza di futuro a questi luoghi. Il 24 giugno libereremo la città dalla cattiva politica”.

In caso di vittoria, la squadra è quella nota. Non ci saranno ingressi dell’ultima ora. Sono circolate voci su un possibile ingresso in giunta di Giancarlo Gabbianelli. Complici le sue recenti dichiarazioni, accettando la prescrizione in un processo.

“Smentisco in modo categorico la voce circolata – osserva Frontini – l’ex sindaco non farà parte del mio esecutivo. Quella dichiarazione l’avrà ponderata, ma non è dettata dal fatto che avrà un ruolo nella mia giunta in caso di vittoria”.

Chiara Frontini

Una voce che invece circola da più tempo, è dove il suo movimento prenda i soldi per finanziare una campagna elettorale che ha costi non da sottovalutare. “I soldi arrivano da noi – precisa Frontini – e da chi ha creduto nel progetto e lo voglio dire alla città. Sono finiti.

Lanceremo una sottoscrizione per coinvolgere tutti. Chiederemo da uno a cinque euro. Ognuno, dal sito viterbo2020.it potrà sentirsi parte di un progetto che sta riscrivendo la storia di Viterbo”.

La conferenza stampa, la prima post voto, è l’occasione pure per togliersi un sassolino dalla scarpa. Un altro. Domenica, per tutta giornata si sono rincorse voci su problemi ai seggi. Di una Frontini allontanata perché sorpresa a fare campagna elettorale.

“Tutto falso – afferma Frontini – quei fatti non sono accaduti. Nel giorno del voto non ho risposto, non ho commentato, ma non sono stata arrestata, né allontanata e nessuna regola è stata violata. Come candidata posso essere presente nei luoghi dove si vota. Per fortuna ci sono stati testimoni che hanno smentito pubblicamente quelle voci.

Ma se questi sono i mezzi che altri mettono in campo per il ballottaggio, allora abbiamo già vinto. Non perché si mettono in giro voci inventate solo per screditare l’avversario, ma perché così facendo hanno perso moralmente ed eticamente, e soprattutto dimostrano di avere zero contenuti”.

Giuseppe Ferlicca

12 giugno, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564