--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Sull'elezione del presidente in quarta commissione coalizione a pezzi - "Capolavoro politico" del Pd che vota il candidato della Lega

Caporossi presidente, il centrodestra esplode

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Viterbo – Il centrodestra si sbraca. In quarta commissione (Cultura – Istruzione – Sport – Turismo – Spettacolo), Stefano Caporossi (Lega) eletto presidente e la maggioranza si spacca. Al nome del leghista, replica Fratelli d’Italia con Andrea Micci e in mezzo, Gianmaria Santucci (Fondazione) sbrocca.

“Chi si alza e parla si assume la responsabilità di quello che dice. Domani c’è il consuntivo – dice il capogruppo Fondazione rivolto alla Lega – voglio vedere chi ve lo vota”.

La spaccatura è netta. C’era, a quanto pare, un’intesa a non proporre nomi. Invece a inizio seduta, la capogruppo della Lega Ludovica Salcini si alza e propone Caporossi.

Stefano Caporossi

Caos. Cui si aggiunge il capolavoro politico del Partito democratico. Martina Minchella prima e Luisa Ciambella poi, annunciano l’appoggio a Stefano Caporossi. I Dem votano per la Lega. Mandando su tutte le furie gli esponenti d’opposizione. A partire da Francesco Serra.

“Niente di grave – spiega Serra – ma il Pd ha votato presidente un candidato della Lega. Che sarebbe stato eletto indipendentemente dalla scelta del partito. Quindi nessun ruolo determinante”.

Minchella e Ciambella avevano motivato il voto, come una scelta personale al presidente. “Non esiste il voto a titolo personale – incalza Serra – il Pd ha votato un candidato della Lega. Avrei potuto capire la scelta, se fosse stata una lista civica a prenderla, ma da un partito che si ritiene di centrosinistra è inaccettabile”.

Andrea Micci

Ma dal Partito democratico Ciambella ribadisce la scelta che è personale, sul candidato e non sul partito: Una scelta sulla persona, ritengo che Caporossi sia una persona che su certi temi un dialogo è possibile. Ritengo d’avere fatto una scelta corretta. Io e la Lega siamo agli antipodi”.

Presidente eletto, ma Fratelli d’Italia esce, dopo avere ritirato il nome di Micci. Di bene in meglio, per la vice presidenza. Non ci sono candidati. Sbando totale. Si auto propone Paola Bugiotti. Eletta.

Ma i guai restano tutti. Atmosfera pesante. Pochi minuti dopo tocca alla prima commissione eleggere presidente e vice. Ma Fratelli d’Italia, Fondazione e Forza Italia escono. Si accoda anche la Lega.

Gianmaria Santucci e Sergio Insogna

Ad annunciare per primo l’intenzione d’abbandonare i lavori, è Paolo Bianchini: “Fratelli d’Italia non partecipa ai lavori per l’elezione della presidenza e propone che per la vice presidenza ci sia un’auto candidatura”. Ironico, ma nemmeno troppo, riferimento all’elezione di Paola Bugiotti (FI).

Da questo pomeriggio, la battuta che circola da giorni, secondo cui l’amministrazione comunale non mangerà il panettone fa un po’ meno ridere a tutti.

Giuseppe Ferlicca


IV°COMMISSIONE
Servizi Sanitari – Sociali e Culturali – Pubblica Istruzione – Sport, Turismo e Spettacolo
Presidente:  Stefano Caporossi
V. Presidente:
Componenti:  
Per la Maggioranza: Achilli Matteo, Bugiotti Paola, Perlorca Ombretta, Caporossi Stefano, Insogna Sergio, Micci Andrea, Galati Vittorio;
Per la Minoranza: Antoniozzi Alfonso, Minchella Martina, Delle Monache Lina, Barelli Giacomo.


Condividi la notizia:
26 luglio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR