--

--

Ezio-mauro560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Economia - Il segretario della Cisl Mannino lancia l'allarme: "Il 9 incontro in Regione per richiedere che il nostro territorio possa essere inserito fra le aree di crisi complesse"

“La Smavit attiva la procedura di licenziamento per 25 lavoratori”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Fortunato Mannino

Fortunato Mannino

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Nei giorni scorsi, la Ust Cisl di Viterbo analizzando la difficile situazione occupazionale della nostra provincia si è attivata affinché questo territorio possa essere inserito fra le aree di crisi complesse.

Siamo lieti di comunicare che il 9 luglio presso la Regione Lazio ci sarà un incontro con i segretari regionali e provinciali confederali. E’ solo un primo incontro ma ci auguriamo che possa essere concretamente utile per riconoscere la nostra provincia come area di crisi complessa.

Fra l’altro la situazione occupazionale si fa sempre più difficile: alla drammatica vicenda della Maico di Orte e dell’ex Alta di Bagnoregio si sono aggiunte le paure dei delegati e dei lavoratori della Unopiù, che a settembre non potranno più contare sugli ammortizzatori sociali, e l’annuncio della Smavit S.P.A. di Vitorchiano con cui ha comunicato l’attivazione della procedura di licenziamento collettiva per riduzione di personale (ben 25 lavoratori).

La situazione è allarmante e non concede molto tempo. L’incontro del 9 luglio rappresenta, quindi, un’opportunità che nessuno deve lasciarsi sfuggire: se il nostro territorio venisse inserito fra le aree di crisi complessa avrebbe la possibilità di risollevarsi accedendo a una serie di benefici, investimenti e ammortizzatori sociali che mai, come oggi, sono stati messi a disposizione dalle Istituzioni regionali e nazionali, e mai, come oggi sono urgenti.

Per raggiungere questo importante risultato, la Cisl, che già in passato ha esortato i politici locali e nazionali a intervenire, a non rimanere indifferenti sulla sorte di queste aziende (come purtroppo in passato è stato fatto), auspica un forte impegno dei parlamentari eletti nel nostro territorio e chiede alla nuova amministrazione comunale un coinvolgimento in prima linea: lo dobbiamo ai lavoratori in difficoltà, non possiamo e non dobbiamo farli sentire soli, alla nostra città e a tutto il territorio provinciale.

Fortunato Mannino
Segretario provinciale Cisl

4 luglio, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR