--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Capodimonte - Conclusi gli scavi del Gruppo archeologico nella zona delle Buccacce diretti dalla Soprintendenza

Riportati alla luce vasi, sepolture e oggetti in bronzo

Condividi la notizia:

Capodimonte - Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte – Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte - Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte – Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte - Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte – Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte - Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte – Gli scavi archeologici nella zona delle Buccacce

Capodimonte – Riportati alla luce vasi, sepolture e oggetti in bronzo.

Una scoperta che non avveniva da quasi 40 anni e frutto di un intenso lavoro condotto nella zona delle Buccacce a Capodimonte da parte del gruppo archeologico sotto la direzione della Soprintendenza.

Gli scavi sono andati avanti per due settimane e si sono conclusi il 6 luglio. “Sono stati riportati alla luce – spiega Roberto Bellucci del gruppo archeologico – sedici sepolture di cui 5 a fossa e una decina di sarcofagi in tufo dell’VIII-VII secolo a.C.

Restituiti anche numerosi reperti tra cui vasi, alcuni rotti perché crepati dalla terra, ciotole con maniche intrecciate, un centinaio di vasi, olle tipiche di Bisenzio di tutte le misure dai 50 ai 20 centimetri di altezza; ancora attingitori e kantharos, poi lance, giavellotti e spillette a barchetta in bronzo.

Una scoperta importante per quell’epoca. Ringrazio il gruppo archeologico di cui è presidente Caterina Pisu, anche direttrice del museo, e la dottoressa Letizia Arancio della Sovrintendenza. E’ una cosa bella per tutto il paese che – conclude Bellucci – non avveniva da 40 anni”.

Soddisfatto anche il sindaco Mario Fanelli: “Tutto il materiale – dice il primo cittadino – è ora custodito in Comune in attesa di essere sistemato per poi essere eventualmente esposto”.


Condividi la notizia:
9 luglio, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR