--

--

Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giustizia - Marco Mancinetti eletto nella categoria giudici di merito - Con oltre 700 preferenze è stato il più votato in Italia

Un viterbese nel consiglio superiore della magistratura

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Il giudice Marco Mancinetti

Il giudice Marco Mancinetti

Viterbo – Un viterbese nel nuovo consiglio superiore della magistratura. È Marco Mancinetti, giudice al tribunale di Roma. A conclusione dello scrutinio delle schede da parte della commissione elettorale, il magistrato ha ottenuto 733 preferenze, risultando il più votato in Italia nella categoria giudici di merito. Dopo di lui, con 720 voti, Paola Maria Braggion (Magistratura Indipendente), giudice a Milano.

Nato a Viterbo nel settembre del ’62, Mancinetti si è diplomato al liceo scientifico Paolo Ruffini per poi laurearsi in giurisprudenza all’università La Sapienza di Roma. Già giudice a Tempio Pausania (Sassaria), nel ’96 viene trasferito nella Capitale. Qui è prima giudice penale e poi gip e gup. È vicecapo del dipartimento per gli affari di giustizia dal 2012 al 2013, anno in cui viene nominato direttore generale della giustizia civile presso la direzione generale della giustizia civile del dipartimento per gli affari di giustizia.

Di Unità per la Costituzione, una delle correnti dell’Associazione nazionale magistrati, Mancinetti è stato tra gli organizzatori dell’ultimo congresso nazionale di Unicost. Tenutosi a Viterbo lo scorso maggio, ha portato in città più di trecento togati. Ovvero, il gotha della magistratura italiana. Da ieri, Mancinetti fa parte del nuovo consiglio superiore della magistratura.

Il primo togato a essere eletto al Csm, come magistrato di legittimità della Cassazione, è stato Piercamillo Davigo. Il leader di Autonomia e Indipendenza ha ottenuto 2mila 522 voti. Dopo di lui, con 1761 preferenze, Loredana Micciché di Magistratura Indipendente. Sebastiano Ardita, Giuseppe Cascini, Antonio Lepre e Luigi Spina sono invece i quattro pubblici ministeri eletti.

13 luglio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR