--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - L'affondo di Luisa Ciambella, capogruppo Pd al comune di Viterbo

“Piano periferie cancellato con un colpo di spugna”

Luisa Ciambella

Luisa Ciambella

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Sembra di essere finiti in un incubo, stamattina le pagine di stampa nazionali e locali riportano lo sgomento di tutti i sindaci italiani che si erano visti riconoscere fondi significativi all’interno del piano periferie voluto dai governi Renzi e Gentiloni e che con un colpo di spugna il governo giallo verde ha cancellato, peraltro in maniera non proprio trasparente.

Infatti, l’emendamento è stato sì votato da tutti, ma per il semplice fatto che la sua formulazione era talmente fumosa da non essere comprensibile come fa chi si vergogna di ciò che sta facendo.

Questi giochi dovevano essere tipici delle prime repubbliche e non della terza che questi signori si vantano di aver inaugurato.

Leggendo la stampa ci si rende conto di quanto la nostra città, sia stata non direi solo considerata dal governo precedente grazie a chi ci rappresentava in parlamento fino a 5 mesi fa, ma addirittura coccolata visto che avevamo ricevuto 17 milioni euro arrivando a competere con città come Padova e Modena (18) e superando ampliamente città come Treviso (11).

Per carità anche questo dai denigratori vari non è stato percepito né tantomeno scritto o trasmesso con onestà intellettuale, visto che si è arrivati addirittura a mettere in discussione il reale stanziamento di queste somme, nonostante fosse venuto a Viterbo il 23 novembre scorso (ormai un’era geologica fa) il primo ministro Gentiloni a firmare per primo la convenzione.

E’ vero il comune di Viterbo avrebbe potuto fare prima e meglio ma questo gap è stato compensato da una autorevole rappresentanza parlamentare che ci ha non solo graziati ma ci ha rimessi in corsa meglio degli altri se si pensa che abbiamo ricevuto sostanzialmente gli stessi fondi di Milano, Torino, Bologna, e che meno di noi riceve Belluno.

Ebbene dopo tutto questo lavoro e questa continua volontà di sminuire un lavoro di relazione che pochi possono vantare e un lavoro che lo stesso comune aveva fatto con forte difficoltà, oggi spero che sia chiaro a tutti che quei fondi non ci sono più. Ce li hanno tolti.

Ma questo non basta, alla lettura preoccupante dei quotidiani di stamattina si aggiunge una lettera del ragioniere capo del comune, Quintarelli, che è costretto a scrivere una triste realtà, il comune di Viterbo rischia di non essere più in equilibrio di bilancio perché una parte dei fondi arrivati è stata impegnata e ora un cambio di indirizzo imprevedibie come questo rischia di danneggiarci seriamente. Quindi oltre lo scippo anche il danno.

Caro sindaco abbiamo lasciato un bilancio non solo in ordine ma risanato dai recuperi e dalle battaglie legali fatte per esattorie e non solo, non permetteremo a degli irresponsabili non solo di privarci di un progetto che avrebbe assicurato uno sviluppo economico e sociale alla città, tantomeno consentiremo di arrecare danni irreparabili al bilancio comunale.

Il periodo non aiuta ma davanti a questa sciagura giallo – verde che si è imbattuta sulla nostra città con responsabilità che hanno nomi e cognomi ben precisi le chiediamo di farsi parte attiva è verificare a che livello siamo con gli affidamenti e gli impegni, capire dal punto di vista finanziario come stanno realmente le questioni e di convocare immediatamente una commissione per informare i consiglieri comunali e quindi la città dei riflessi negativi che questa scelta sciagurata avrà sulle nostre finanze.

Non ci meritiamo tutto questo e soprattutto non lasceremo che ci vendano lucciole per lanterne. Ci tolgono le risorse governative per quattro spiccioli che tutti i comuni italiani potranno spendere di fondi propri già in cassa. Una precisazione: anche in questo caso i comuni che ne beneficiano di più sono quelli del nord. Insomma sindaco, impediamo a Salvini e Di Maio di essere i nuovi Attila del terzo millenio per Viterbo.

Luisa Ciambella
Capogruppo Pd al comune di Viterbo


Articoli: “Chiediamo l’impegno dei nostri parlamentari per ripristinare i fondi” – “Che fine faranno i 17 milioni del piano delle periferie?”

9 agosto, 2018

            Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR