--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bolsena - Forti danni a viti, ulivi e pomodori

Piantagioni distrutte dalla tromba d’aria

Condividi la notizia:

Bolsena - Gli effetti della tromba d'aria

Bolsena – Gli effetti della tromba d’aria

Bolsena - Gli effetti della tromba d'aria

Bolsena – Gli effetti della tromba d’aria

Bolsena - Gli effetti della tromba d'aria

Bolsena – Gli effetti della tromba d’aria

Bolsena – “In appena un’ora è andato distrutto il lavoro dell’intera stagione”.

Sono le parole pronunciata con tono sconsolato da un agricoltore che coltiva ortaggi sulle rive del lago di Bolsena, che aggiunge: “Dal raccogliere diversi quintali di pomodori da tavola e altri ortaggi alla settimana, siamo passati a zero: non è facile accettare una situazione del genere!”.

Il violento turbine ha colpito nel pomeriggio di ieri in località La Piantata, tra lo stabilimento balneare Riva Verde e il campeggio La Cappelletta, a circa due chilometri da Bolsena in direzione San Lorenzo Nuovo. La tromba d’aria ha avuto il suo “epicentro”, ovvero il luogo di maggiore impatto con vento fortissimo e grandine di grandi dimensioni presso l’azienda agricola “la Piantata” dove ha causato i danni maggiori a tutte le coltivazioni: ortaggi, viti e ulivi.

Per le coltivazioni orticole si tratta del periodo di maggiore raccolta e soprattutto i vari tipi di pomodori e le zucchine hanno subito i danni maggiori in quanto è stata rovinata la possibilità di produzione che sarebbe durata per diverse settimane ancora. Anche gli impianti di piantine già avviati per le coltivazioni della stagione autunnale e del primo inverno è andata distrutta, quindi sarà difficile recuperare i tempi per la raccolta dei prossimi mesi.

Anche le viti e gli ulivi hanno subito pesanti danni che non sono soltanto relativi ai frutti caduti a terra, ma si aggraveranno nei prossimi giorni in quanto anche ciò che è rimasto sulla pianta a causa delle pestature subirà comunque un processo di decomposizione che lo renderà inutilizzabile.

“Abbiamo assistito ad un fenomeno – ha commentato l’agricoltore Massimo Parrano – che non mi era mai capito di vedere: in breve tempo la grandine e il vento hanno avuto un’intensità e una violenza che non ha risparmiato nulla”.


Condividi la notizia:
20 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR