Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Viterbo - Luisa Ciambella risponde a nome del Pd all'ironico post del ministro dell'Interno sul sit-in a piazza del comune contro la xenofobia

“Salvini faccia il suo lavoro e dica no a ogni forma di razzismo”

Condividi la notizia:


Viterbo - Luisa Ciambella

Viterbo – Luisa Ciambella

Il post di Matteo Salvini sul sit-in del Pd a Viterbo

Il post di Matteo Salvini sul sit-in del Pd a Viterbo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Luisa Ciambella (Pd) in risposta al post del ministro dell’Interno Matteo Salvini sul sit-in del Partito democratico viterbese in piazza del Comune, a cui ha partecipato una manciata di persone.

Caro ministro Salvini, sono Luisa Ciambella, capogruppo del Partito democratico al comune di Viterbo, immortalata nella foto che ha pubblicato. Mi permetto di farle questa riflessione.


Video: Luisa Ciambella risponde al ministro Salvini


Si ricordi sempre che lei è anche il mio ministro degli Interni e deve per questo garantire l’applicazione degli articoli 2 e 3 della Costituzione per tutti i cittadini, oltre che garantire la sicurezza per tutti.

È incredibile che non avverta in questi ultimi mesi, a 80 anni dalla promulgazione delle vergognose leggi razziali, una escalation di episodi sempre più frequenti caratterizzati da intolleranze e violenze razziste.

Il problema del ministro dell’Interno non è negare l’evidenza ma condividere il no a ogni razzismo e prevenire ogni eventuale atto di questo genere. Un primo straordinario risultato sarebbe togliere dal lessico i toni aspri e le affermazioni dure che possono, in un momento difficile come quello attuale, amplificare la rabbia ed eccitare gli animi.

Un ministro degli Interni non può dire “Dove sono gli episodi di razzismo”, ma dovrebbe avvertire la responsabilità di prevenirli. Faccia bene il suo lavoro e vedrà che non avrà la necessità di chiedere agli altri “Dove?”.

Buon lavoro.

Luisa Ciambella


Condividi la notizia:
1 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR