--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Società - Col 17,24% il paese della Maremma precede Orte e Monterosi - In coda alla classifica Farnese

Arlena di Castro è il comune con più immigrati rispetto alla popolazione

di Alessandro Castellani

Condividi la notizia:

Stranieri residenti nella Tuscia

Stranieri residenti nella Tuscia – Clicca sulla foto per ingrandire

Stranieri residenti nella Tuscia

Stranieri residenti nella Tuscia – Clicca sulla foto per ingrandire

Stranieri residenti nella Tuscia

Stranieri residenti nella Tuscia – Clicca sulla foto per ingrandire

Viterbo – 870 abitanti in totale, 150 dei quali stranieri. Con questi numeri, il comune di Arlena di Castro s’impone come quello con la più alta percentuale d’immigrati nella provincia di Viterbo: 17,24%.

I dati sono elaborati sulla base dei bilanci demografici Demo Istat, aggiornati al 31 dicembre 2017.

Il piccolo paese della Maremma è sorprendentemente in testa a questa speciale classifica, precedendo comuni che, per posizione geografica e infrastrutture, si predisporrebbero come mete d’approdo molto più congeniali per chi non ha radici sul territorio.

Dei 150 arlenesi d’adozione, il gruppo più numeroso è quello dei romeni, 57 in totale. Seguono macedoni e marocchini, e queste tre nazionalità da sole costituiscono la stragrande maggioranza dell’insieme degli immigrati della città.

Molto avanti nella percentuale di stranieri residenti c’è anche Orte, con il 17,02%: 1497 su 8795 abitanti. Un risultato decisamente più prevedibile di quello di Arlena, visto che la città offre snodi ferroviari e stradali di primaria importanza, ideali per chi ha bisogno di una base logistica da cui spostarsi agevolmente.

Orte è un piccolo concentrato di mondo, ospita persone provenienti da ben 90 nazioni. La comunità romena è la più folta, con 536 componenti, ma è molto nutrita anche la rappresentanza africana, capeggiata dai nigeriani (101). E scorrendo la lista delle nazionalità si può trovare veramente di tutto, compresi 4 statunitensi, 2 siriani e una palestinese. Tutti racchiusi in meno di 70 chilometri quadrati.

Non sorprende nemmeno il 16,47% di stranieri che vivono a Monterosi. Si tratta, infatti, del comune della Tuscia più vicino a Roma, che catalizza movimenti di persone e interessi da tutto il mondo. 

La città della Tuscia con meno immigrati residenti è, invece, Farnese. Appena 62 su 1483, pari al 4,18%. Pochi di più a Vejano (4,28%) e Vitorchiano (4,54%).

Tra i centri più popolosi, Civita Castellana è al 13,49%, Montefiascone al 7,83%, Tarquinia al 5,13% e Vetralla al 10,84%. Il capoluogo Viterbo fa segnare il 9,65%.

Il dato complessivo della Tuscia è 9,79%. Un valore che rende la provincia di Viterbo la seconda per percentuale di stranieri residenti nel Lazio, alle spalle di Roma, e la mantiene ben al disopra della media nazionale dell’8,5%.


Condividi la notizia:
30 settembre, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR