Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Lezioni-di-democrazia-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La mozione di Ciambella (Pd), Marini (FI), Serra (Viterbo dei cittadini) e Delle Monache (Impegno comune) al presidente del consiglio comunale

“Bando periferie, non perdiamo quei 17 milioni”

Viterbo - Il Poggino

Viterbo – Il Poggino

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la mozione di Luisa Ciambella (Pd), Giulio Marini (FI), Francesco Serra (Viterbo dei cittadini) e Lina Delle Monache (Impegno comune) al presidente del consiglio comunale di Viterbo sulla revoca del fondo periferie a opera del governo ai danni della città di Viterbo -.

Premesso che il governo Gentiloni ha previsto il completamento del finanziamento del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia originariamente stabilito dal governo Renzi. 

Considerato che il senato della Repubblica ha approvato, in sede di conversione del decreto legge “Milleproroghe”, un emendamento presentato da Daisy Pirovano e Massimiliano Romeo (Gruppo Lega-Salvini Premier-Partito Sardo d’Azione) che sospende fino al 2020 i fondi destinati a tale programma, dimostrando una completa insensibilità rispetto agli enti locali già messi a dura prova dai continui tagli ai trasferimenti avvenuti dal 2011 a oggi.

Considerato che il suddetto programma è finalizzato alla realizzazione, tra l’altro, di interventi urgenti per la rigenerazione delle aree urbane degradate attraverso la promozione di progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano, di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti, rivolti all’accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità di resilienza urbana, al potenziamento delle prestazioni urbane anche con riferimento alla mobilità sostenibile, allo sviluppo di pratiche, come quelle del terzo settore e del servizio civile, per l’inclusione sociale e per la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano, anche con riferimento all’adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici, nonché alle attività culturali ed educative promosse da soggetti pubblici e privati.

Considerato altresì che il congelamento dei fondi determina per Viterbo la sospensione di investimenti pari a circa 17 milioni di euro a fronte di una convenzione già firmata lo scorso 23 novembre 2017 con lo stato alla presenza dell’allora presidente del consiglio Paolo Gentiloni in virtù della quale l’amministrazione comunale aveva già avviato le procedure prodromiche alla finalizzazione della progettazione delle opere.

Tenuto conto che, in data 11 settembre 2018, l’Anci nazionale ha incontrato i rappresentanti del governo Giallo-Verde il quale, senza assumere alcun impegno, si è fumosamente limitato a “promettere” un possibile futuro finanziamento “sulla base di esigenze di ogni singolo comune”, con ciò manifestando il totale disinteresse per il recupero delle periferie e, nella specie, della periferia della nostra città.

Considerato che, in data odierna, il provvedimento legislativo sarà sottoposto alla fiducia della camera dei deputati e che, a stretto giro e comunque non oltre il 23 settembre 2018, la procedura di approvazione della legge dovrà necessariamente essere portata a compimento.

Considerato he la maggior parte dei livelli istituzionali si sono espressi sul tema sollecitando con atti amministrativi il governo a ritirare il provvedimento.

Considerata altresì la necessità che anche la nostra città faccia la sua parte e rivendichi il diritto a ricevere delle risorse che avrebbero migliorato la nostra città, dimostrando di saper reagire davanti a scelte scellerate che saccheggiano il nostro futuro.

Per quanto sopra, impegna il sindaco e la giunta comunale, unitamente ai rappresentanti del territorio eletti in parlamento, a porre in essere ogni iniziativa nei confronti del governo e in seno al parlamento stesso affinché l’intervento di modifica in questione venga stralciato dal testo definitivo che sarà approvato, con conseguente ripristino dei finanziamenti previsti dal programma straordinario di interventi per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie di Viterbo.

Luisa Ciambella
Capogruppo Pd

Giulio Marini
Capogruppo FI

Francesco Serra
Capogruppo Viterbo dei cittadini

Lina Delle Monache
Capogruppo Impegno Comune

13 settembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR