--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ambiente - L'assessore regionale Mauro Alessandri interviene sulle sorti dell'impianto che raccoglie e depura le acque reflue dei comuni del lago di Bolsena

“Cobalb, i costi devono essere coperti dalle tariffe”

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Mauro Alessandri

Mauro Alessandri

Roma – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’assessore regionale Mauro Alessandri dopo l’annuncio del fallimento della Cobalb

Lunedì mattina negli uffici della regione Lazio ho incontrato il direttore generale di Cobalb e i sindaci di Bolsena e Montefiascone, in qualità di delegati dei soci della Comunità bacino lago di Bolsena, alla presenza dei competenti funzionari regionali.

Nel corso della riunione è stato fatto il punto sugli interventi di manutenzione straordinaria dell’impianto di depurazione circumlacuale che porteranno al completo rifacimento della parte elettromeccanica delle stazioni di sollevamento. Come regione Lazio abbiamo fornito ampie rassicurazioni sulla prosecuzione dei lavori e sulla disponibilità di risorse, peraltro mai messe in discussione, a copertura della variante in corso di definizione, resasi necessaria viste le precarie condizioni degli impianti.

A margine della riunione è stato inoltre affrontato il tema relativo all’adesione, prevista dalla legge, dei comuni soci di Cobalb alla società Talete spa, gestore unico del servizio idrico integrato Ato 1 Lazio Nord – Viterbo dal 2007.

Un trasferimento di tutte le infrastrutture idriche, fognarie e depurative al nuovo gestore che i comuni non hanno ancora completato. La regione Lazio nel 2015 ha infatti diffidato i comuni inadempienti a procedere in tal senso, rappresentando che in caso di mancato riscontro avrebbe avviato l’esercizio dei poteri sostitutivi per completare il passaggio di tutte le opere al gestore.

La regione Lazio, che aveva contribuito economicamente alla gestione di Cobalb per le spese di manutenzione degli impianti dal 1994 al 2009, non ha più stanziato fondi a partire dal 2010 in quanto, in applicazione del decreto legislativo 152/2006, dal momento dell’avvio della gestione da parte della società Talete spa la copertura complessiva dei costi del sistema idrico integrato sarebbe dovuta avvenire mediante la riscossione della relativa tariffa.

Mauro Alessandri
Assessore ai Lavori pubblici e tutela del territorio, mobilità della regione Lazio

18 ottobre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR