Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Alla scuola elementare una maestra cambia il testo - Su Facebook il sindaco Bartolacci e l'amministrazione denunciano e condannano il gesto

E nella poesia di Natale “Gesù” diventa “laggiù”…

di Paola Pierdomenico

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]
Tuscania - Nella poesia di Natale "Gesù" diventa "laggiù"

Tuscania – Nella poesia di Natale “Gesù” diventa “laggiù”

Tuscania - Nella poesia di Natale "Gesù" diventa "laggiù"

Tuscania – Nella poesia di Natale “Gesù” diventa “laggiù” – Il testo originale

Tuscania – E nella poesia di Natale Gesù diventa laggiù…

Scoppia la polemica e in molti anche l’indignazione dopo che alla scuola elementare istituto comprensivo Ildovaldo Rodolfi di Tuscania la poesia di Natale è stata modificata da una maestra facendo scomparire il nome di “Gesù”.

Sarebbe stata una bambina a raccontare l’episodio alla mamma appena rientrata da scuola.

Dura presa di posizione dell’amministrazione dalla pagina Facebook “Obiettivo comune”.

“Pubblichiamo il testo della poesia di Natale sulla quale è stata fatta una modifica per i ragazzi della quinta elementare togliendo dal testo la parola “Gesù” sostituendola con la parola “laggiù”.

Abbiamo contattato la dirigente scolastica alla quale abbiamo evidenziato l’inopportunità di questa modifica e la nostra contrarietà su questa scelta didattica.

La scuola come istituzione deve prioritariamente a parer nostro essere conservatrice dei nostri valori culturali soprattutto per il Natale“.

Ancor più dura arriva la condanna del sindaco Fabio Bartolacci. “Disapprovo questa cosa – dice il primo cittadino – perché modificare una poesia di Natale è un gesto inqualificabile che non dovrebbe essere fatto in generale e ancora meno dalla scuola che dovrebbe difendere le nostre tradizioni.

Ho contattato subito la dirigente scolastica che ha confermato che si trattasse di una scelta didattica fatta in autonomia dalla maestra. L’ho invitata quindi a monitorare certe situazioni, affinché non accadano più.

Ne abbiamo discusso anche con la maggioranza. È una questione riprovevole che non si può accettare dal punto di vista didattico perché le istituzioni devono salvaguardare la nostra cultura occidentale”.

Paola Pierdomenico


Ecco il testo originale della poesia “Natale è di più”

Natale è di più

Natale è una favola bella
l’antico racconto che tocca ogni cuore
col bue e l’asinello e nel gelo
la giovane mamma e il bambino Gesù
e poi la stella cometa, quel filo di seta sottile nel cielo
un tanto dolcissimo un velo di fiocchi leggeri che cadono giù


Condividi la notizia:
13 dicembre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR