Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - All'incontro a sostegno di Salvini, l'assessora Nunzi annuncia l'applicazione del decreto sicurezza in ogni sua parte

Linea dura della Lega: “A Viterbo niente residenza ai migranti”

Condividi la notizia:

Viterbo – (g.f.) – Migranti, stop all’iscrizione all’anagrafe.

Viterbo non fa obiezione al decreto sicurezza Salvini, ma lo applica in tutte le sue parti. Compresa quella che prevede non concedere la residenza ai richiedenti asilo.

È l’incontro per dire sì alle politiche portate avanti da Matteo Salvini. La Lega della Tuscia si ritrova alle Terme dei Papi. Sala è piena, chiama a raccolta i suoi, Umberto Fusco. Uno a uno parlano tutti. Il senatore detta i tempi. Venti secondi, trenta. Interventi coincisi e veloci.


Gallery: La Lega di Viterbo per Salvini


La notizia, però, la dà l’assessora alla polizia locale del comune di Viterbo, Claudia Nunzi. “Le residenze ai richiedenti asilo sono sospese – anticipa Nunzi – noi non siamo come i sindaci di sinistra, che ormai sono rimasti in pochi. Siamo guerrieri”.

Altro bolle in pentola. “Ho parlato con il comandante della polizia locale – continua Nunzi – per il Daspo vogliamo ampliare le zone in cui è possibile applicarlo. Adesso è possibile nel centro storico e altri luoghi specifici. Noi vogliamo che sia possibile anche fuori le mura, per combattere ciò che più ci segnalano i cittadini, l’accattonaggio molesto e i parcheggiatori abusivi”.

Poco prima, il suo collega Claudio Ubertini ha incentrato l’intervento sui provvedimenti del governo in favore delle imprese. Ce n’è bisogno e poi il reddito di cittadinanza, che si augura applicato con giudizio.

Ma è il decreto sicurezza il protagonista della serata. Ci torna Marco Ricci, responsabile Lega di Bolsena:“Siamo in una situazione assurda, c’è chi non vuole applicare una legge regolarmente approvata, un atteggiamento sovversivo. Lo dobbiamo dire. In questo bel posto, ma anche in piazza”.

Claudio Ubertini e Umberto Fusco

La piazza che non spaventa il senatore Umberto Fusco. “Ci siamo andati – ricorda Fusco – a piazza del Comune e piazza del Teatro. Tra l’altro, se non veniva Matteo Salvini nel secondo caso, oggi a Viterbo non ci sarebbe il governo del centrodestra a Viterbo”. Adesso c’è e Fusco lancia un avvertimento: “Poche parole e tanti fatti”.

Claudia Nunzi

Rinforza il concetto, Ludovica Salcini, capogruppo a palazzo dei Priori: “Il sindaco è stato eletto con i voti della Lega – ricorda Salcini – deve dare risposte risposte alla città, ci sono quartieri dove è necessario intervenire”. Giovanni Arena avrà ricevuto?

Enrico Maria Contardo, vice sindaco di Viterbo, ricorda i prossimi appuntamenti elettorali, Europee e comunali. Prima ancora, a febbraio, si rinnova la provincia a Rieti: “La Lega avrà una lista – ricorda Fusco – la presentiamo lunedì, eleggeremo due rappresentanti e ci sono possibilità che uno sia vice presidente. Anche nel Lazio ci radichiamo”.

Antonio Scardozzi, consigliere comunale, invece ha un dubbio sul decreto sicurezza: “Non è che dietro ai sindaci ribelli c’è la mano lunga del presidente della Repubblica Mattarella? Meno male che il nostro Matteo Salvini non arretra di un passo”.

Andrea Micci, consigliere comunale fresco di passaggio alla Lega, punta sulla cronaca locale. “Su dodici fatti che abbiamo letto sui giornali – spiega – dieci hanno visto coinvolti cittadini stranieri. Lo vogliamo chiamare un problema di sicurezza? Non lo so. Ma di certo un problema c’è, è un dato che ci deve far riflettere. Questo decreto aiuterà a risolvere la situazione”.

Viterbo - L'incontro della Lega alla terme

Anche perché, fa notare Stefano Evangelista, presidente del consiglio comunale, il decreto sicurezza: “È per tutti, a cominciare dagli italiani”.

Solidarietà a Salvini forte e chiara e adesso i giovani. Il 23 si incontreranno a Viterbo tutti i leghisti junior del Lazio.


Condividi la notizia:
10 gennaio, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR