--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Carcere sovraffollato e organico carente - Il deputato FdI Rotelli interroga il ministro alla Giustizia Bonafede

“Situazione critica a Mammagialla, un pericolo per il territorio”

Condividi la notizia:

Viterbo - Laura Allegrini e Mauro Rotelli

Viterbo – Laura Allegrini e Mauro Rotelli alla manifestazione della polizia penitenziaria

Viterbo – (g.f.) – “Mammagialla in situazione critica, è un pericolo per tutto il territorio”. Il deputato FdI Mauro Rotelli fa sue le preoccupazione della polizia penitenziaria e presenta un’interrogazione al ministro di Giustizia Alfonso Bonafede, in commissione.

Alcuni giorni fa, l’ultima protesta in piazza del Comune, da parte degli agenti. “Il carcere di Mammagialla versa in una situazione d’estrema criticità – spiega Rotelli nell’interrogazione – segnalata a più riprese dalla polizia penitenziaria, scesa in piazza anche lo scorso 14 gennaio, denunciando che il carcere, e di conseguenza tutto il territorio viterbese, è veramente in pericolo”.

La struttura ha al suo interno 750 detenuti: “Tra i quali anche cento detenuti psichiatrici – ricorda Rotelli – venti dei quali definiti acuti. È estremamente sovraffollata e carente di personale, soprattutto con riferimento alle professionalità specialistiche necessarie per assistere detenuti psichiatrici, la cui gestione risulta pressoché impossibile in ambiente penitenziario”.

Nonostante le difficoltà: “Continuano ad essere assegnati al carcere detenuti, in spregio di ogni norma di sicurezza, come nel caso di un soggetto colpevole di aver ucciso il fratello di un altro, incarcerato sempre a Mammagialla, o il caso di un detenuto con gravi patologie psichiatriche, che dopo aver tentato di uccidersi è stato dimesso dall’ospedale perché considerato ingestibile in un reparto di medicina protetta e destinato al carcere viterbese”.

Situazione critica anche rispetto ai detenuti d’alta sicurezza: “Con boss mafiosi di secondo livello – continua Rotelli nell’interrogazione – che sono 175 a fronte di una capienza di 150, fatto che determina commistioni tra detenuti comuni e quelli ad alta sicurezza,tali da compromettere l’intera sicurezza del territorio”.

Una situazione che Rotelli ha riportato, ascoltando gli agenti.

“Le segnalazioni fin qui effettuate dalle forze di polizia penitenziaria non hanno sortito alcun esito e la situazione all’interno della struttura viterbese rimane critica e pericolosa per detenuti e agenti in servizio”.

Quindi Rotelli chiede al ministro Bonafede se sia informato della situazione e che iniziative urgenti intenda prendere per il carcere di Mammagialla: “Per garantire la sicurezza degli agenti e quella di tutto il territorio viterbese”.

 


Condividi la notizia:
17 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR