--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - Rifiuti - Chiara Frontini (Viterbo 2020) boccia il documento presentato dal sindaco: "Nel 2020 niente differenziata al 65%, pagheremo una penale del 20%"

“E adesso aumenta anche la Tari di 800mila euro…”

Condividi la notizia:

Chiara Frontini e Giovanni Arena

Chiara Frontini e Giovanni Arena

Viterbo – “Un compitino di sei pagine appena, senza un dato né un piano dei costi”. Dopo il consiglio comunale straordinario sui rifiuti, Chiara Frontini (Viterbo 2020) boccia senza appello la relazione presentata dal sindaco Giovanni Arena e di conseguenza, le proposte contenute al suo interno.

“La Tari aumenterà almeno di 800mila euro – continua Frontini –  così, dopo l’imposta di soggiorno, dopo l’acqua, ora aumentano anche i rifiuti. Non si raggiungerà il 65% di raccolta differenziata entro il 2020, e questo comporterà un’ulteriore addizionale del 20% come penale.

Dopo 8 mesi è indignitoso presentarsi con un documento così.

Sono mesi che incalziamo con proposte di contenuto, abbiamo prodotto un documento preciso e puntuale, dove chiedevamo di valutare il mantenimento della proprietà dei rifiuti, che permetterebbe di abbassarla la Tari invece di alzarla, organizzare gli orari di raccolta che non creino ingorghi e traffico, realizzare un nucleo interforze di controllo sul territorio che vigili e sanzioni sulle troppe violazioni e scarichi abusivi che inquinano la città, progetti di educazione e sensibilizzazione e molto altro.

Un documento che è stato bocciato così, a cuor leggero, senza alcuna valutazione di merito. Una leggerezza disarmante”.


Condividi la notizia:
8 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR