--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Carabinieri - Sono due studenti incensurati, uno toscano e l'altro romano - Convalidato il fermo - A marzo il processo per direttissima

Al casello con mezzo chilo di hashish in macchina, in libertà i due arrestati

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Viterbo – Sono due studenti di 20 e 23 anni, uno toscano e l’altro romano, i due giovani pizzicati la notte tra lunedì e martedì con mezzo chilo di hashish dai carabinieri della stazione di Orte all’uscita del casello autostradale.

La coppia, arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, è comparsa ieri davanti al giudice Silvia Mattei che, convalidando il fermo, ha rimesso in libertà entrambi i giovani, risultati incensurati, senza alcuna misura cautelare. 

I carabinieri li hanno bloccati durante un servizio vicino al casello autostradale, mentre viaggiavano a bordo di una Opel Adam, insospettiti dall’atteggiamento assunto alla vista della pattuglia.

Dalla perquisizione sia personale che del veicolo sono stati scoperti, nascosti nella macchina, cinque panetti di hashish, da un etto l’uno per un peso complessivo di mezzo chilo.

La droga è stata sequestrata e i due giovani, che vivono a Viterbo per motivi di studio, sono stati condotti ai domiciliari con l’accusa di spaccio.

Rimessi in libertà ieri, dopo la convalida, dovranno tornare in tribunale il 13 marzo per essere processati per direttissima. Sono difesi dall’avvocato Paolo Labbate. 

– Sorpresi con mezzo chilo di hashish in macchina


Condividi la notizia:
13 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR