Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Undici gruppi mascherati e migliaia di persone - Oggi la prima delle sette sfilate - LE PRIME SPLENDIDE FOTO E VIDEO

Esplode il Carnevale della bellezza…

Condividi la notizia:


Viterbo – Partito il Carnevale di Ronciglione, tra i più antichi del Lazio e tra i 10 più belli d’Italia. Carnevale rinascimentale e barocco, aperto dal suono del “campanile”, dai tetti del municipio. Diciassette, 24 e 28 febbraio. E poi ancora 2, 3, 4 e 5 marzo. Sette appuntamenti, tra gioia e follia. Oggi il primo. 

Dalla Banda cittadina “Alceo Cantiani” e Majorettes alla parata storica degli Ussari francesi che nel XVIII secolo attraversarono la città di Ronciglione al seguito di Napoleone.


Ronciglione - Carnevale 2019


Alle 16, l’inizio. Il 324° Grandioso corso di gala, maschere, carri allegorici, gruppi mascherati e bande folcloristiche.
Alla fine, tutti in Piazza della Nave a ballare il tradizionale Saltarello di Carnevale con la Banda cittadina “A. Cantiani”. Il tutto organizzato dalla Pro Loco di Ronciglione.


Ronciglione - Carnevale 2019


Tante le persone lungo le strade. Si dice oltre duemila. Ronciglione è piena di colori. Sfilano per le vie undici gruppi mascherati. Illusion, ‘O ‘Cchiappa Sogni, Squadrone Avvoltoi, I Pon Pon, Colibriando, Incantesimo del drago, Maleficent, le Marionette, Pop Art, Il Ticchettio della notte e Falle du’ gocce. Appresso a loro i carri. Splendidi. Attorno a loro due ali di gente che si diverte. Chiama, ride, è mascherata. Gioca ad essere qualcosa che sogna, solo un per un giorno, un mese. E lo fa per tutto l’anno. 


Ronciglione - Carnevale 2019


Il carnevale di Ronciglione tra le sue antiche origini dalle “Pubbliche allegrezze” del periodo farnesiano, tra il XVI e il XVII secolo, quando ormai la città rinascimentale era stata completata. Tuttavia, il primo documento che ne parla apertamente  risale al 12 gennaio 1748. Quasi tre secoli fa.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
17 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR