--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Si è scagliato contro i carabinieri intervenuti per sedare una lite - Sarà processato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Dà in escandescenze durante i carri, arrestato giovane in maschera

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Civita Castellana – (sil.co.) – In maschera su un carro dà in escandescenze durante la sfilata, il carnevale finisce in manette per un 25enne civitonico. Si è scagliato contro i carabinieri intervenuti per sedare una lite tra figuranti del corso mascherato del 24 febbraio. 

E’ successo durante la sfilata di domenica pomeriggio del carnevale di Civita Castellana. Doveva essere un giorno di festa per le decine di giovani del comprensorio impegnati da giorni nell’allestimento del corso mascherato, ma a un certo punto qualcosa è andato storto.

Complici presumibilmente i fumi dell’alcol, che sarebbe circolato in abbondanza, verso il tardo pomeriggio tra alcuni dei gruppi mascherati a bordo dei carri sarebbero sorti dei diverbi, via via sempre più accesi, per placare i quali sarebbero più volte intervenuti i carabinieri della locale compagnia, guidati dal maggiore Anna Patrono.

La situazione sarebbe precipitata attorno alle 19, quando due giovani, sembra appartenenti a gruppi rivali, sarebbero passati dalle parole ai fatti. Alla vista delle divise, uno dei contendenti se la sarebbe data a gambe, facendo perdere le sue tracce, mentre l’altro è stato bloccato dai militari, contro i quali si sarebbe scagliato a calci e pugni, proseguendo lo show anche in caserma, dove avrebbe inoltre insultato pesantemente i  carabinieri che tentavano di identificarlo. 

Alla fine il giovane, un ragazzo di 25 anni, è stato arrestato con l’accusa di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Ieri, dopo una notte ai domiciliari, è comparso davanti al giudice Elisabetta Massini che, convalidando il fermo, ha rimesso in libertà l’imputato, senza alcuna misura cautelare, rinviando il processo per direttissima all’8 luglio, accogliendo la richiesta di termini a difesa dell’avvocato Paola Grassi, in sostotuzione del legale d’ufficio Guido Conticelli. 


Condividi la notizia:
26 febbraio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR