Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il sindaco Arena dopo la chiusura dell'impianto - Venerdì incontro con la Federazione italiana nuoto per trovare una soluzione

“Gestori pronti a riconsegnare la piscina al comune”

Condividi la notizia:

Viterbo - Consiglio comunale

Viterbo – Consiglio comunale

Andrea Micci

Andrea Micci

Viterbo - Il cartello fuori dalla piscina comunale

Viterbo – Il cartello fuori dalla piscina comunale

Viterbo – (g.f.) – “Gestori pronti a riconsegnare la piscina al comune”. Impianto di nuovo chiuso, c’è una svolta e l’annuncia il sindaco Giovanni Arena in consiglio comunale.

Si va verso la risoluzione dell’affidamento. Ma i tempi non saranno comunque brevi e il rischio che la struttura possa rimanere chiusa fino a settembre è reale.

Venerdì è prevista una riunione, si capiranno le prospettive. In comune, dopo l’altro stop, non erano rimasti fermi a bordo piscina.

“Avevamo avviato le procedure per recedere dalla convenzione – spiega Arena – i legali si sono già visti più volte.

La società ha scritto al comune, parlano delle ragioni che hanno portato a questa situazione, crisi e altro. Sono disponibili a cedere l’impianto immediatamente al comune. C’è la volontà di non aprire un contenzioso”.

Resta tutta la parte relativa ai canoni non versati al comune. “Su questo il contenzioso resta, ma adesso quello che vorremmo evitare è l’interruzione del servizio. Su tutto il resto si vedrà”.

Andrea Micci (Lega) si preoccupa per gli utenti. “Non vorrei che gli abbonati siano stati presi in giro – spiega Micci – c’è un cartello affisso all’esterno in cui si parla di manutenzione. Stanno effettuando lavori? Quale ditta? Sarebbe grave se così non fosse e ci si comporta così con l’utenza”.

Più di uno si è lamentato pure con il sindaco. “Tanti utenti si sono rivolti a me – ricorda Arena – quelli che hanno effettuato il pagamento anticipato e ora non possono usufruire del servizio. Vedremo anche questo”.

La goccia che ha fatto traboccare la piscina e portare allo stop è stata una bolletta idrica. “Da 13mila euro – ricorda il sindaco Arena – fa parte della dilazione concordata.

Ero al corrente della situazione, quello che speravo è che la società avesse la forza d’arrivare a fine maggio, quando si concludono i corsi. Ma pare che non sia possibile. Nonostante le rassicurazioni non sono riusciti a mantenere fede agli impegni presi”.

Una soluzione ponte potrebbe essere affidare la gestione alla Federazione italiana nuoto, ente pubblico, per il tempo necessario a trovare chi possa succedere agli uscenti. Chissà se sarà percorribile.

Nemmeno due anni fa all’attuale società è stata rinnovata la concessione per dieci anni. “Forse – precisa Arena – prima d’affidarla sarebbe stato opportuno fare maggiori verifiche”.


Condividi la notizia:
21 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR