Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spettacolo - Il popolare conduttore televisivo riposa nel cimitero della sua amata Bassano Romano - FOTO E VIDEO

Un anno fa moriva Fabrizio Frizzi

Condividi la notizia:


Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi

Il feretro di Fabrizio Frizzi a Bassano Romano

Il feretro di Fabrizio Frizzi a Bassano Romano

Il feretro di Fabrizio Frizzi a Bassano Romano

Il feretro di Fabrizio Frizzi a Bassano Romano

Viterbo – Un anno senza Fabrizio Frizzi. Era l’alba del 26 marzo 2018, quando il popolare e amato conduttore televisivo se ne andava.

Il giorno prima le sue condizioni erano peggiorate, la corsa disperata all’ospedale Sant’Andrea a Roma. Tutto inutile. Un’emorragia cerebrale e a soli sessant’anni, Frizzi muore.

I funerali nella chiesa degli Artisti a Roma e poi la sepoltura nella sua amata Bassano Romano, paese delle sue origini, che portava nel cuore e dove tornava appena poteva.


Multimedia: Foto: Il feretro di Fabrizio Frizzi a Bassano Romano – video – I funerali di Fabrizio Frizzi


“Mi porto nel cuore l’immagine accogliente della Madonna della Pietà di Bassano Romano”, raccontava a chi gli chiedeva della sua infanzia.

“Quando ero bambino, verso i dodici anni, i miei avevano comprato una casa in campagna a Bassano Romano. Lì potevo sfogarmi come volevo, anche perché nei dintorni c’erano salite bellissime. Facevo finta fossero quelle del Giro d’Italia e mi divertivo a emulare i miei campioni preferiti. Una pacchia”.

Frizzi amava Bassano, un sentimento, in paese, ricambiato da tutti. Un luogo caro, custode non solo dei ricordi d’infanzia, ma anche il posto dove i genitori avevano deciso di trascorrere l’ultimo tratto della loro vita.

“Papà e mamma si innamorarono di quella che sarebbe stata la casa dei loro sogni – ripeteva Frizzi – da allora lo scambio di vita con i bassanesi è stato continuo. Ogni volta che vengo mi sento a casa. Anche fuori casa. Ringrazio i bassanesi perché mi hanno sempre fatto sentire uno di famiglia”.

E adesso è passato un anno senza di lui, un anno che riposa nel paese che aveva nel cuore, nella cappella di famiglia, accanto a mamma Laura e papà Fulvio, ai nonni e agli zii.

Un anno dalla sua scomparsa, una ricorrenza che non passerà inosservata. A Bassano Romano, dove lo ricordano e soprattutto in televisione, il suo lavoro e la sua passione.

In programma speciali, trasmissioni e un momento particolare a L’Eredità, l’ultima trasmissione che ha condotto fin quando ha potuto, dove è tornato non appena le condizioni di salute glielo hanno consentito.

In quegli studi, la sua seconda casa, Flavio Insinna gli dedicherà un particolare ricordo.

E ancora una volta, come nel giorno dell’ultimo saluto, arriverà l’abbraccio della comunità di Bassano Romano, che lo immagina ancora così, come capitava d’incontrarlo in paese. Sereno e sorridente con tutti.


Condividi la notizia:
26 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR