Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Se lo chiedono le volontarie che la curano

“A chi danno fastidio i quattro gatti della colonia felina di Belcolle?”

Condividi la notizia:

Belcolle - La colonia felina

Belcolle – La colonia felina

Belcolle - La colonia felina

Belcolle – La colonia felina

Belcolle - La colonia felina

Belcolle – La colonia felina

Belcolle - La colonia felina

Belcolle – La colonia felina

Belcolle - La colonia felina

Belcolle – La colonia felina

Viterbo – “A chi danno fastidio quattro gatti?”. Se lo chiedono le volontarie che accudiscono la colonia felina di Belcolle, informate che il servizio veterinario della Asl avrebbe proposto di spostare gli animali, quattro gatti di numero, dall’isola ecologica dietro la palazzina di malattie infettive all’eliporto.

Esponendo così i poveri mici, non si sa perché, al rumore e al vento dei mezzi dell’elisoccorso. Il che sarebbe come mettere i quattro gatti in tangenziale.

Tutto sarebbe nato da un esposto dei residenti che lamentavano la presenza di rifiuti trasportati dal vento dall’ospedale verso le civili abitazioni.

Dall’immondizia svolazzante si sarebbe passati ai gatti della colonia felina, regolarmente registrata, le cui responsabili sono una viterbese e una dottoressa di Belcolle, di recente trasferita a Roma. 

“Ci sono stati dei sopralluoghi ed è stato deciso, per venire incontro alle proteste dei residenti, di recintare l’area dove si trovano i cassonetti e trasferire all’eliporto i quattro gatti, le cui casette si trovano da sempre dietro infettivi, adiacenti all’isola ecologica”, spiegano le volontarie.

“Si tratta di mici anziani, sterilizzati, accuditi dalle volontarie, uno cieco, un altro investito da una macchina. Si trovano lì da anni e da anni svolgono egregiamente il loro lavoro di tenere pulito il terreno, come fanno i felini nei giardini, tenendo ad esempio lontani i topi che avrebbero infestato altrimenti la zona più di quanto non facciano i rifiuti”, dice una delle volontarie. 

“Ci sono colonie feline in tantissimi ospedali, dal San Filippo Neri e il San Giovanni di Roma, al Santa Chiara di Pisa, proprio di fronte alla torre pendente. Noi chiediamo che i gatti di Belcolle possano restare dove sono, fuori del recinto dei rifiuti, spostando le loro casette qualche metro più in là”, prosegue. 

Il Comune sarebbe intervenuto cercando di mediare: “Nonostante la sensibilità dimostrata dalla pubblica amministrazione, la Asl sembrerebbe restare ostile. Questo mercoledì, il 17 aprile, ci sarò un incontro alla Cittadella della salute, coi responsabili del servizio veterinario, sperando che porti buone nuove”, è l’augurio.

“Altrimenti il destino dei mici di Belcolle è segnato, non crediamo possano sopravvivere in una zona esposta come l’eliporto”, l’amara conclusione.

Silvana Cortignani

 

 


Condividi la notizia:
16 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR