Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Provincia - L'annuncio in consiglio - Nella "giunta" di via Saffi entrano esponenti d'opposizione - Palozzi (Pd): "Percorso partito da tempo, ci abbiamo messo troppo"

Il presidente Nocchi azzera le deleghe e apre al centrodestra

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Viterbo - Consiglio provinciale - Il presidente Pietro Nocchi

Viterbo – Consiglio provinciale – Il presidente Pietro Nocchi

Viterbo - Provincia - Francesco Serra e Maurizio Palozzi

Viterbo – Provincia – Eugenio Stelliferi, Francesco Serra e Maurizio Palozzi

Viterbo - Consiglio provinciale - Il centrodestra

Viterbo – Consiglio provinciale – Il centrodestra

Viterbo - Consiglio provinciale

Viterbo – Consiglio provinciale

Viterbo – Provincia, azzeramento delle deleghe. Il presidente Pietro Nocchi firma il decreto di revoca, pronto a riassegnarle coinvolgendo l’opposizione.

L’annuncio stamani, nel consiglio provinciale dedicato al bilancio.

“Con questo decreto – ha detto Nocchi – si azzerano le deleghe, con l’impegno poi a rivederci insieme e discutere il giusto equilibrio e la giusta disponibilità ad andare avanti”.

Mentre parla, guarda verso il gruppo di minoranza, Centrodestra unito e civici. “È un impegno gravoso – prosegue Nocchi – per chi ricopre ruoli anche di sindaco e consigliere comunale”. Impegno, nelle intenzioni, da condividere con Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega.

“Questo è il secondo bilancio che approviamo – osserva Nocchi – frutto di una collaborazione che abbiamo provato a mettere in piedi.

In quest’ottica c’è la necessità di rivedere insieme alcuni aspetti, con la rivisitazione delle deleghe e anche le commissioni, già in parte condivise in quest’ultimo caso”.

Un accordo condiviso da destra a sinistra, da FdI a Pd. Seppure una parte, quella di Moderati e riformisti, l’esperienza civica fioroniana in consiglio rappresentata da Massimo Paolini e Fabio Valentini pare rimasta ai margini.

Siccome in autunno si vota per rinnovare il consiglio provinciale e tutto lascia intendere che gli equilibri, dopo le elezioni comunali di maggio potrebbero cambiare, Nocchi in qualche modo li anticipa, con una “gestione” partecipata.

“Prendiamo atto della volontà – spiega Alessandro Romoli, capogruppo Centrodestra unito e civici – espressa dal presidente Nocchi, con l’azzeramento delle deleghe. Un passaggio di buonsenso, apprezzato. Non siamo interessati e non lo è nemmeno il presidente, interessati a prebende.

Il piano della discussione è diverso. La nuova impostazione prospettata dal presidente deve essere colta con senso di responsabilità”.

L’intesa non nasce stamani in consiglio provinciale, ma è frutto d’incontri che proseguono da tempo. “C’è la disponibilità a collaborare nell’interesse della provincia – prosegue Romoli – e a dare il nostro contributo nel rispetto dei ruoli di ognuno”.

Come primo segnale, l’opposizione si astiene sul voto al bilancio, finora avevano detto sempre no. Dall’altra parte: “Una gestione condivisa dell’amministrazione provinciale – ricorda Maurizio Palozzi (Pd) – è un percorso già iniziato e che ha avuto un rallentamento.

La presidenza della commissione Lavori pubblici a Gianluca Grancini era il presupposto per arrivare a oggi. Ci abbiamo solo messo un po’ troppo tempo.

Questo è un nuovo giorno, lo salutiamo con grande entusiasmo per lavorare in modo più preciso e oculato per il territorio”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
16 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR