--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Martina Minchella (Pd) dopo il blocco dei conti della società

“Talete, soltanto uno sprovveduto davanti agli atti formali parla di regie occulte”

Condividi la notizia:

Martina Minchella

Martina Minchella

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La città deve sapere che seppur la matassa della vicenda Talete può sembrare complicata, l’iter seguito è davvero chiaro e anche se non si comprende come si possa essere arrivati a questo punto, forse ricostruendo il percorso riusciamo a comprenderlo insieme.

Il sindaco, che oggi si dice dispiaciuto ed estraneo al pignoramento dei conti della società Talete, a novembre 2018 viene autorizzato dalla giunta con una delibera a dare mandato per recuperare i 4 milioni e 700 mila euro.

Il 28 dicembre 2018 il delegato del sindaco vota il piano di rientro che contiene l’aumento delle bollette per i cittadini.

Il 2 aprile 2019 su richiesta del comune viene notificato il precetto, precetto contro il quale la società fa opposizione.

Il 3 maggio il comune fornisce agli avvocati i conti correnti per procedere al pignoramento.

Il 15 maggio l’avvocato deposita la richiesta di pignoramento e nei giorni successivi l’ufficiale giudiziario pignora i conti della società.

Il 17 maggio il sindaco Arena vota il cda di Talete giustificando il tutto con l’urgenza di garantire la continuità dell’attività di Talete pur avendone già decretato la fine.

Il danno fatto oggi dall’amministrazione Arena, se come è stato sollecitato non verrà riparato, porterà difficoltà importanti ai bilanci comunali e metterà in discussione non soltanto un servizio fondamentale come quello dall’acqua potabile per i cittadini della città di Viterbo e di tutta la provincia, ma anche il pagamento degli stipendi dei lavoratori di Talete.

Soltanto uno sprovveduto o chi è in malafede davanti agli atti formali può parlare di regie occulte.

La verità è una soltanto ed è sotto gli occhi di tutti: l’incapacità di chi amministra oggi la città di Viterbo.

Arena passerà alla storia come il sindaco che ha pignorato “a sua insaputa” i conti della società di cui è il maggior azionista.
Non credo servano ulteriori commenti.

Martina Minchella
Segretario unione comunale Pd Viterbo


Condividi la notizia:
23 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR