--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vitorchiano - Questa mattina davanti al gip il giovane che sabato notte ha investito un 43enne con la macchina - Prognosi di 30 giorni per la vittima

Tentato omicidio dopo il concerto, oggi l’interrogatorio del 24enne

Condividi la notizia:

Vitorchiano - Il sangue sull'asfalto dopo il tentato omicidio

Vitorchiano – Il sangue sull’asfalto dopo il tentato omicidio

L'avvocato Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini

Vitorchiano – (sil.co.) – Tragedia sfiorata dopo il concerto in piazza, comparirà oggi davanti al giudice per le indagini preliminari per l’udienza di convalida il 24enne viterbese arrestato per tentato omicidio aggravato la notte tra l’11 e 12 maggio a Vitorchiano.

Stazionarie le condizioni della vittima, refertata con una prognosi di trenta giorni dai sanitari dell’ospedale di Belcolle. 

Il 24enne è stato fermato dai carabinieri intervenuti all’altezza del convento dei Cappuccini di Vitorchiano in seguito all’allarme scattato verso le due della notte tra sabato e domenica e quindi arrestato dai militari per l’investimento di un 43enne con cui poco prima, in base a quanto emerso dalle testimoniaanze raccolte nell’immediatezza, avrebbe avuto un diverbio, forse per motivi di viabilità.

Il giovane, ai domiciliari dall’alba di domenica, difeso dall’avvocato Enrico Valentini, sarà sentito questa mattina dal gip Rita Cialoni. Titolare delle indagini è invece il pubblico ministero Stefano d’Arma della procura della repubblica di Viterbo. 

L’accesso litigio sarebbe cominciato mentre la folla che aveva assistito al concerto di Luca Carboni, sabato sera in piazza Umberto I nell’ambito dei festeggiamenti per il patrono San Michele Arcangelo, stava defluendo verso i parcheggi. 


 Lo insegue e lo investe con la macchina, 24enne arrestato per tentato omicidio


Questa mattina, sempre che non si avvalga della facoltà di non rispondere, il 24enne potrà fornire la sua versione dei fatti al giudice che, sentiti anche i carabinieri che hanno proceduto al fermo, dovrà poi decidere se confermare l’arresto nonché la misura cautelare eventualmente da applicare.

Secondo una prima ricostruzione, un attimo prima di salire in macchina e allontanarsi, il 43enne avrebbe sferrato un calcio alla vettura del 24enne il quale, su tutte le furie, sarebbe a sua volta partito a tutta velocità all’inseguimento dell’aggressore, riuscendo a raggiungerlo e bloccarlo all’altezza del convento. 

Una volta scesi dalle rispettive vetture, l’uomo e il ragazzo avrebbero ripreso a litigare violentemente, fino a quando il più giovane non è risalito in macchina, investendo l’interlocutore. Sul posto sono accorsi i carabinieri.

Il 43enne è finito al pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle dove è stato refertato con una prognosi di trenta giorni per le lesioni riportate. Il 24enne invece, dopo le formalità di rito, è stato condotto nella sua abitazione agli arresti domiciliari. 


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
14 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR